Jesiamo e Jesinsieme: «Solidarietà all’Ente Palio dopo gli attacchi di Jesi in Comune»

JESI – I gruppi consiliari di Jesiamo e Jesinsieme esprimono solidarietà all‘Ente Palio San Floriano di Jesi, a seguito delle polemiche sollevate da Jesi in Comune sulla stampa locale.

Al centro della questione, i costi della manifestazione e domande sui metodi di finanziamento dell’Ente Palio San Floriano.

«Palese l’attacco rivolto all’Ente Palio da parte del gruppo politico Jesi in Comune. Uno dei maggiori eventi – se non il maggiore – per la nostra collettività che si fonda sull’associazionismo e volontariato (evidentemente concetti non più cari a questa sinistra locale) è accusato di presunti favoritismi da parte dell’Amministrazione Comunale che invece, dovrebbe rimanere assente ed insensibile a chi porta una tale iniziativa ad essere un’attrattiva regionale per numero di turisti presenti in città con benefici anche di carattere economico sulla città, senza dimenticare il risvolto culturale della kermesse, così apprezzato anche dalle nuove generazioni. Dunque, cultura, tutela delle tradizioni e valorizzazione del territorio non sono priorità per Jesi in Comune. Un vizio quello del gruppo consiliare di Animali che poco più di due mesi fa attaccava gli organizzatori del cenone di Capodanno, organizzato a scopo benefico, ed anche questo su base associativa – volontaria, senza poi trovare riscontri positivi nelle affermazioni fatte.

Vengano allora fuori da Jesi in Comune tutti i nomi delle associazioni che a dir loro sono state avvantaggiate da questa Amministrazione, ed al contempo quelle che viceversa hanno subito sorte avversa, vediamone le iniziative, i programmi presentati e l’utilità per l’intera città.

Non possiamo che esprimere solidarietà all’Ente Palio per questo attacco rivoltogli, Ente  che si è dimostrato sempre corretto nei rapporti con l’Amministrazione e del quale non possiamo denotarne che l’apprezzamento per il lavoro organizzativo svolto.

L’augurio è che tutte le Associazioni o Enti abbiano analoga correttezza anche per quanto riguarda l’utilizzo, a qualsiasi titolo, di beni e servizi comunali; anche quelle Associazioni a cui strizza l’occhiolino e guarda con simpatia proprio Jesi in Comune, per non creare disparità».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*