Jesiamo: "La città rende omaggio al maestro e compositore Giancarlo Aquilanti" | Password Magazine

Jesiamo: "La città rende omaggio al maestro e compositore Giancarlo Aquilanti"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo il successo al Pergolesi della “Stanford Wind Ensemble” in occasione della Festa Europea della Musica, il maestro jesino Giancarlo Aquilanti è stato invitato dal Presidente del Consiglio, a raccontare la sua esperienza artistica il prossimo 28 luglio, in consiglio comunale.

Il maestro Giancarlo Aquilanti

Nato a Jesi, Giancarlo Aquilanti, da quasi trent’anni è maestro, compositore e docente presso l’Università di Stanford, in California, una delle più prestigiose al mondo, ottenendo numerose e importanti committenze per la composizione di opere musicali e conseguenti riconoscimenti, tra cui  il premio ”Walter J. Gore”, la più alta onorificenza assegnata negli USA per meriti accademici.

Nonostante la vita statunitense, il maestro Aquilanti non dimentica però le sue radici e guarda all’Italia e alla sua città, Jesi. Il suo desiderio è poter collaborare, raccontare la sua esperienza nelle terre dove è nato e promuovere lo scambio culturale.
In tanti anni, Aquilanti ha portato la sua musica nei teatri di tutto il mondo.

Eppure,  dopo tanti anni, questa è stata la seconda volta che il maestro ha calcato il palco del Pergolesi  per la direzione del  concerto dell’orchestra dell’Università di Stanford, evento principale della settimana della Musica, nel giugno scorso.
In quell’occasione, ha  potuto inserire nel programma musicale un suo brano originale, a fronte delle numerose opere che ha composto.
Va apprezzata la sensibilità di questa Amministrazione per aver offerto, ad Aquilanti l’occasione di esibirsi qui a Jesi, permettendo alla città di risuonare del talento di un suo concittadino di fama internazionale.

Jesiamo auspica che, con la permanenza di Aquilanti in città fino alla fine di agosto, a seguito dell’invito al confronto in Consiglio, si possa dialogare su nuovi progetti culturali che portino il maestro nuovamente nel nostro Teatro più importante, per condividere per la prima volta, la sua ampia produzione compositiva, con particolare attenzione alla parte lirica.

Sfatando, una volta tanto, il detto,” Nemo profeta in patria”.

 

Comunicato da: Jesiamo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.