Jesiamo replica a Landi: "Sui Social, troppe parole "in libertà" | | Password Magazine

Jesiamo replica a Landi: "Sui Social, troppe parole “in libertà"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Una città senza cultura muore. Chi non ha dimostrato slancio, passione e non ha portato i risultati promessi e attesi, in questi due anni e mezzo, non lo farà in una seconda fase. Sono le dure parole della vice presidente di Jesiamo Elisabetta Landi mosse nei confronti dell’assessore Luca Butini su Facebook, a poche settimane dalle elezioni di rinnovo del Direttivo, fissate per il 14 dicembre. Critiche che non arrivano dall’opposizione ma dall’interno del gruppo politico che conta la maggioranza dei consiglieri comunali e che sostiene la Giunta Bacci.

“Auspico che il nostro Sindaco, possa mettere in sicurezza le deleghe, riconsiderandole e riassegnandole laddove necessario – scrive Landi – Il direttivo Jesiamo, fra l’altro, aveva sostenuto la formazione di una “consulta della cultura”, che garantisse un supporto all’assessorato, coinvolgendo figure di artisti ed intellettuali, locali e non. Jesi merita ben altro e l’impegno è stato scritto sul programma di mandato di questa amministrazione, chi non è in grado di affrontare le questioni e di raggiungere gli obiettivi, non può restare ” parcheggiato”, temporeggiando sulle scelte, che incidono sul vivere e il buon vivere della città”.

La replica di Jesiamo, redatta ed inviata dal capogruppo Paola Lenti, non tarda ad arrivare:

“È rimbalzata su tutti i quotidiani locali la critica mossa da Elisabetta Landi all’assessore alla cultura Luca Butini, personalmente, e interpretata invece come presa di posizione dell’associazione Jesiamo, in quanto pubblicata anche sul profilo dell’associazione, peraltro senza commenti da parte di alcun consigliere o membro del direttivo. Sicuramente, la presa di posizione della Landi, nostra sostenitrice fin dal ballottaggio ed oggi rappresentante pro tempore dell’associazione Jesiamo in qualità di vice presidente, è forte, ma non rappresenta nulla più che uno sfogo personale, evidentemente non condiviso,  che voleva forse – ma ne ha tradito le intenzioni – non tanto sfiduciare l’assessore quanto invitarlo apertamente, e forse con troppa enfasi, ad un sempre più incisivo dialogo con i giovani, con le numerose realtà culturali e con gli artisti presenti in città, magari emulando per la cultura quanto già fatto con la consulta del turismo.

Molte sono le sollecitazioni che pervengono continuamente all’assessorato alla cultura, così come in altri campi, dall’insediamento della nostra amministrazione, a testimonianza di quanta necessità di dialogo ci fosse da parte della città con chi la amministra, e cosa a cui i cittadini erano evidentemente poco abituati: quasi un tegame in ebollizione a cui è stato sollevato il coperchio! E allora diventa difficile non tanto dare ascolto quanto assecondare tutti, e da qui magari la delusione di alcuni nel non vedere pienamente soddisfatte tutte le attese e le richieste.

La critica mossa appare alquanto ingenerosa se si ricordano le varie iniziative che l’Ass. Butini ha portato avanti, fra le quali il contributo decisivo a che la Città abbia oggi la possibilità di usufruire della Salara, attesa da anni, la rinnovata presenza della Fondazione Colocci e l’impegno con il mondo dell’Università, il progetto JES, dedicato ed aperto ai giovani.

Saggia la scelta di Butini, di cui si apprezzano le capacità e l’impegno costantemente profusi, di non alimentare questa inutile polemica pubblica, affidandosi ad un dialogo con la diretta interessata, perché lo sfogo di un punto di vista personale, fatto peraltro in maniera impropria, sia nei modi che nei riferimenti, da parte di chi dovrebbe garantire la responsabilità che si è assunta,diventi magari motivo di un dialogo più costruttivo con l’assessore”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.