Jesiamo, Torre Erap: "Il dito va puntato contro chi 15 anni ha voluto il progetto" | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Jesiamo, Torre Erap: “Il dito va puntato contro chi 15 anni ha voluto il progetto”

JESI – Il gruppo consiliare Jesiamo invia le proprie considerazioni post incontro Torre ERAP:

“Il gruppo Consiliare Jesiamo ringrazia tutti i numerosi cittadini che sono intervenuti all’incontro riguardante la costruzione della cosiddetta “Torre E.R.A.P” nel quartiere San Giuseppe, un’occasione di dialogo e di confronto utile a stabilire responsabilità non proprie dell’attuale Amministrazione ma che la stessa, come più volte accaduto, deve ora gestire nell’interesse dei cittadini.

Facile ora puntare il dito verso chi attualmente amministra, troppo facile non chiamare in causa chi quel progetto lo ha voluto, 15 anni fa, promettendo una riqualificazione e lasciando invece solo problemi e soldi per strada. ll dito va puntato contro chi per anni ha speso – non investito – denaro pubblico senza realizzare nulla, confidando che dividendo il danno per molti sarebbe stato comunque un danno sopportabile, un modo di fare e amministrare molto lontano da una idonea gestione pubblica. Sono le stesse persone che oggi prendono le parti dei cittadini delusi ed amareggiati invocando giustizia, e chiedendo responsabilità e soluzioni altrui.

Soluzioni alternative alla costruzione? Con chiarezza esprimiamo la non possibilità di trovarle senza dover incappare in una possibile controversia riguardante un danno erariale – di cui sarebbero i stessi cittadini a subirne le conseguenze – o procedimenti in cui incorrano responsabilità per gli attuali amministratori; può anche non piacere ma l’iter burocratico per la costruzione dell’immobile seppur lungo, ha avuto una sua regolarità tecnica che ora non lascia molti scenari aperti confrontandosi inoltre due enti pubblici.

Non lasceremo indietro la questione della riqualificazione del quartiere, come sta già a dimostrare lo studio di una variante al PRG che modifichi l’attuale destinazione edificatoria della zona Campo Boario in maniera da impedire nuova cementificazione nell’area, oltre che puntare con un occhio di riguardo al problema della sicurezza.

E’ nostra abitudine affrontare apertamente i problemi della città e non ci sottrarremo nemmeno in questo caso dal nostro dovere con senso di responsabilità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.