Jesifutura: "Su integrazione prevalgono demagogia e interessi economici" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesifutura: "Su integrazione prevalgono demagogia e interessi economici"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – Di seguito, una nota stampa arrivata dall’associazione  Jesi Futura

“Ancora una volta si parla di integrazione ma sempre in maniera superficiale e talvolta affaristica o demagogica. Purtroppo in Italia continuiamo a trattare l’argomento come un grosso affare e con la massima tolleranza.

Tale situazione sta creando forme di razzismo anche violente. Circostanza, quest’ultima, che si poteva ben prevedere. In passato gli italiani non erano razzisti perché in Italia non c’erano comunità straniere rilevanti, oggi lo sono al pari di francesi, inglesi ecc. Purtroppo il nostro legislatore non aiuta. Vanno fatte alcune considerazioni sulle attività del Governo italiano in materia di rifugiati. Il ministro Gentiloni vola in Libia per parlare di petrolio. Non avrebbe dovuto parlare anche dei barconi che partono dalle coste libiche? L’Italia mantiene mille soldati in Afghanistan. Non dovrebbe forse chiedere al governo locale di impedire l’immigrazione nel nostro Paese? Ed ancora: chi vende le armi in Africa ed in Asia per alimentare le guerre civili? L’Italia ha un bel commercio nel settore. I profughi vanno piuttosto aiutati a rimanere sui loro territori affinché possano partecipare alla ricostruzione dei rispettivi paesi di origine. Si legge che nel sud del Sudan, un paese indipendente da cinque anni, e’ ripresa la guerra civile con migliaia di morti, con armi nuovissime e sofisticate.

L’Italia e’ presente sul territorio con molte associazioni di assistenza. Accogliamo i profughi o facciamo cessare le violenze? I motivi vari di queste stragi sono sempre gli stessi: il petrolio e gli interessi economici. Di fronte a tutte queste questioni si potrebbe  pensare che nulla si possa fare. Non è cosi! Fintanto la diplomazia dovrebbe servire a convincere i governi della Tunisia, della Libia e dell’Egitto a non lasciar partire dai loro porti i barconi dei disperati con le conseguenze tragiche che conosciamo. Il Governo italiano, non contento di quanto già, si spende per i vivi, ha improntato la bellezza di molti milioni di euro per il recupero dei barconi che affondano con persone a bordo. Una volta sbarcati in Italia i migranti dovrebbero essere tutti immediatamente identificati;  invece si assiste al fenomeno di migliaia di persone che circolano nel nostro Paese senza documenti in regola. Gli stranieri adulti anche dopo anni di permanenza in Italia non parlano italiano. Come può esserci integrazione se i presupposti sono questi? Non di certo con le chiacchiere che, da sole, non portano lontano. Ma c’è di più e di peggio: gli operai stranieri che lavorano in fabbrica e non conoscono la nostra lingua. Come fanno a capire le norme sul lavoro?  Tutto tace (intanto però l’ Inps incassa fior di quattrini…). In Italia gli affari si fanno alla barba degli sciocchi e degli illusi”

 

Comunicato da: Jesi Futura

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.