Astralmusic

Jesina: derby annacquato, con la Recanatese finisce 0-0

Astralmusic

JESI – Il pallido sole che è spuntato alla fine ha finito per benedire il pareggio a reti inviolate sancito dal campo nel derby tra Jesina e Recanatese.

Esordio casalingo per i leoncelli dopo il pari, anche qui in bianco, della “prima” ad Avezzano e primo punto per i leopardiani che in casa, domenica scorsa, avevano rimediato una tremenda scoppola (0-4) dalla Vis Pesaro.

Morale: attacchi asfittici, zero gol fatti per entrambe dopo due giornate di campionato. Ma il cammino è appena all’inizio e ancora qualche acciacco si fa sentire dalle nostre parti.

Dalla Jesina  –  nella quale c’è stato l’esordio dell’ultimo acquisto, l’ex fermano Margarita, con Pierandrei in panca –  ci si aspettava di più certamente, almeno sul piano del risultato, ma con la Recanatese non è stato semplice – l’ex Negro è entrato nella ripresa –  e quando le partite si mettono nel verso che comunque non ti fa tornare i conti, c’è il rischio che, alla fine, un episodio ti possa condannare.

Meglio accontentarsi e così è stato, soprattutto quando le lancette dell’orologio avvicinavano alla fine.

La squadra di Gianangeli ci ha provato, soprattutto nel primo tempo, anche se il terreno zuppo di pioggia non rendeva le cose facili.

Lo spartito dei primi 45’ ha visto i leoncelli cercare l’affondo e il tiro in porta mentre la Recanatese ribatteva con l’affondo senza quasi mai trovare il tiro.

Il primo acuto è stato di Trudo (4’) che, servito al limite da Cameruccio, era riuscito a farsi luce per il tiro in porta a botta sicura ma la palla non ha voluto saperne di andare sotto la traversa, scavalcandola di poco.  

Poi è stato Margarita a farsi vivo in due circostanze: servito da Cameruccio “rubapalloni” ci ha provato dal limite con tiro fuori (14’). Ha tentato ancora dopo 3’ ma il copione è stato lo stesso.

I leopardiani hanno bussato  nei pressi della porta di Tavoni in dirittura d’arrivo del primo tempo con Bradich servito dopo un’incursione sulla fascia di Rinaldi. Di poco a lato.

Ripresa con sostituzioni ma il cambio di passo non è arrivato. Parasecoli  non demordeva  su un groviglio di uomini in area (64’) e provava la botta ma il tiro usciva a lato. Poco dopo è stato Trudo (60’) che in velocità bruciava tutti e costringeva Maraglino alla deviazione in uscita.

Agonismo sinché c‘è stata birra in corpo poi è calato il sipario.

E domenica si fa visita al Matelica.

Pino Nardella

 

Jesina – Recanatese 0 – 0

Jesina – Tavoni; Silvestri, Anconetani (Giovannini  61’), Carotti, Giorni (Calcina 57’); Gremizzi, Cameruccio, Magnanelli (Sassaroli 91’), Trudo (Pierandrei  80’); Margarita (D’Alessio 60’), Parasecoli. All. Franco Gianangeli. A disposizione: Bolletta, Serantoni, Zannini, El Harrati.

Recanatese – Maraglino; Di Maio, Rinaldi, De Luca (Arnone 87’), Cipolletta; Colonna, Basso, Lupo, Palumbo (Negro 79’); Monachesi (Fraternali 87’), Braidich. All. Antonio Cursio. A disposizione: Piangerelli, Mulè, Perini, Tanoni, Senigagliesi, Papa.

Arbitro: Stefano Belfiore di Parma coadiuvato dagli assistenti Francesco Pio Aucello di Roma ed Emanuele Musumeci di Ciampino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*