Jesina, Franco Gianangeli: “Siamo pronti a ruggire”

Franco Gianangeli

JESI – Da domenica prossima, allora, si fa sul serio. Non è ancora campionato ma Coppa Italia, al cospetto della Sangiustese, ma il test è importante per sondare lo status attuale dei leoncelli dopo la serie di amichevoli inanellate.

E in vista dell’esordio che conta, il 3 settembre, ad Avezzano.

Con l’allenatore della Jesina, Franco Gianangeli,  è arrivato il momento di fare il punto tra un allenamento e l’altro.

“Sicuramente siamo sulla buona strada – afferma  -, nel senso che dobbiamo tenere presente il fatto che abbiamo una squadra completamente rinnovata e che si è cambiata anche la metodologia di lavoro. Da quello che abbiamo fatto sul campo e considerati i  primi riscontri delle amichevoli, ci possiamo ritenere soddisfatti. E’ chiaro che siamo ancora a un 75 per cento della condizione, con margini di miglioramento importanti. Quello che ci aspetta sarà un campionato molto impegnativo, tosto, con squadre molto attrezzate. In questo nostro girone almeno una decina di compagini sono attrezzate per vincerlo, perlomeno per provarci. Poi chissà, qualche sorpresa può anche venire fuori”.

E la Jesina che ruolo avrà?

“ Mi auguro che possa essere una bella sorpresa, anche perché all’interno di questo organico ci sono tanti giovani. E i giovani si sa, sono esuberanti, intraprendenti, e allo stesso tempo anche imprevedibili. Comunque, partiamo con un profilo molto basso, vorremmo far bene ma nello stesso tempo rimanere in categoria anche per la prossima stagione. Toglierci delle soddisfazioni sicuramente, ma il primo obiettivo è quello di raggiungere una salvezza tranquilla il prima possibile. Poi vedremo strada facendo”.

Che fisionomia darà Gianangeli alla squadra, come la vedremo giocare?

“Sicuramente una Jesina che non ha paura di nessuno, che va in campo con la voglia di far bene, di divertire e, come dico sempre ai ragazzi, il calcio è un gioco, perciò dobbiamo prendere allenamenti e partita con spensieratezza. Poi sarà il campo a dire la sua. Di certo gli avversari, pur rispettandoli, dovranno sudare le proverbiali sette camicie contro di noi”.

Soddisfatto dei calciatori a sua disposizione?

Tutti ragazzi positivi, ottime persone prima che ottimi giocatori. Ognuno ha margini di miglioramento, sono dei giovani che già hanno maturato esperienze importanti, qualcuno ha già vinto dei campionati. Diciamo che sono affidabili. L’importante è che, se si sbaglia, dall’errore si venga fuori il prima possibile, ci si rimbocchi le maniche e si vada avanti”.

Jesi è una piazza importante, dove ci si aspetta sempre molto dalla squadra…

“Ai tifosi chiedo di starci vicini e noi li ripagheremo sicuramente con tanto impegno e tanto spirito di sacrificio. E, perché no, speriamo anche con risultati. Jesi è sicuramente una piazza calda. Qui c’è sempre l’uomo in più, i tifosi appunto. Siamo consapevoli di avere un alleato e per questo venderemo sempre cara la pelle. Saranno proprio i tifosi che ci daranno la carica per fare quel passo in più”.

Si comincia, in partire che contano, con la Sangiustese e si comincia a fare sul serio…

Ci teniamo a fare bene anche perché saremo tra le mura amiche. Partire col piede giusto significherebbe mettersi in condizione di buon entusiasmo e di clima positivo. Che per una squadra giovane come la nostra vuol dire dotarsi della sesta marcia”.

Poi esordio ad Avezzano, e sarà finalmente campionato…

“E’ un esordio particolare perché come Matelica, San Marino, Vis Pesaro, per citarne alcune, è una squadra costruita per la vittoria finale. Sarà una partita da battaglia dove noi dovremo andare a mille all’ora. Ma affrontare avversari di questo calibro è gratificante”.

Pronti a ruggire, allora?

“Sì, sì. Assolutamente”

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*