Jesina Pallanuoto replica all’assessore Coltorti: «Attendiamo proposte»

JESI – La Jesina Pallanuoto replica alle dichiarazioni dell’assessore allo Sport Ugo Coltorti uscite sulla stampa dopo la notizia della rottura dei rapporti tra la società sportiva e il gestore Nuova Sportiva srl, dovuta all’aumento del nolo corsie e  «i problemi della struttura e di manutenzione delle acque della piscina a seguito del mal funzionamento dell’impianto di clorazione, con atleti intossicati almeno 3-4 volte l’anno»
«Rispondendo a quanto dichiarato dall’assessore Coltorti tramite stampa e Comunicato Ufficiale, nel pieno rispetto del suo ruolo istituzionale e senza nulla di personale nei suoi confronti – scrive l’allenatore Gianluigi Traini – mi permetto di dissentire in alcuni punti:
 La Asur non controlla tutti i giorni ed in particolare dopo le 20 quando questi problemi sono avvenuti di più. Dispiace che l’assessore non creda alle nostre testimonianze e di conseguenza sottovaluti il problema.
La Jesina pallanuoto è nata tra mille difficoltà dovute proprio a tariffe fatte dall’Amministrazione Comunale che non consentirebbero a nessuna ASD di fare attività sportiva ad un livello decente. Parliamo di 18 € l’ora a corsia. Adesso ne paghiamo 7 come la vasca del Passetto (vasca 8 metri più lunga) ad Ancona e spendiamo per allenarci a Jesi la cifra di 23.000 €. Fate voi i conti.
Se l’impianto necessita di interventi importanti come mai non vengono fatti?
Il guasto era avvenuto almeno il sabato 9 alle 18.20, quando sono passato in piscina. Il 10 dicembre è stato ripristinato dopo la partita che è iniziata alle 15.00. Abbiamo giocato perché fino alle 13.00 c’è stato nuoto libero e di conseguenza i valori dovevano essere a norma. A fine partita ho misurato il livello del cloro ed era assente. Dopo il 14 dicembre ed è la cosa più importante, l’acqua è diventata di una limpidezza mai vista.
La cosa più grave invece è l’affermazione “che sono venuti meno i rapporti di fiducia”. Non ritengo che una mail, scritta dopo alcune comunicazioni verbali, possa far venir meno un rapporto di fiducia, a meno che non ci fossero dichiarazioni false. In tal caso sono pronto a prendermi le mie responsabilità nelle sedi opportune ma non toccate i miei ragazzi.
Accolgo con piacere la notizia che l’assessore si proponga per una mediazione e chiedo proprio a lui di fare una proposta pubblica. Noi la valuteremo, ma sulla salute dei tesserati e sull’ingiustificato e per noi insostenibile, aumento dei costi, non può esserci mediazione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*