Kingsatta, il rapper jesino cresciuto a San Giuseppe: «Il mio quartiere mi sembra Gomorra»

JESI – Diciassette anni e un sogno: quello di sfondare nella musica. Il talento c’è, la grinta pure. E nel quartiere San Giuseppe, dov’è cresciuto, il rapper jesino  Kingsatta è già una celebrità.  «Il mio quartiere mi sembra Gomorra»: così canta il 17enne – Dario Sabatino è il suo vero nome – nel suo ultimo singolo che sta spopolando sul web. Una canzone che sa di denuncia sociale, con tanto di video musicale girato a San Giuseppe, in cui racconta con parole e immagini i retroscena di una delle zone più sensibili della città. Quasi 50 mila le visualizzazioni già ottenute su Youtube dal video – autoprodotto – che racconta di «piazze di spaccio e gioventù morta». Partecipa nel pezzo anche Jeezus, artista di Cerreto D’Esi.
King, quando hai iniziato a interessarti di musica rap?
«Ho iniziato a comporre testi da bambino. Alla scuola elementare, Fabri Fibra o i Club Dogo erano i miei idoli. A 12 anni, ho iniziato a scrivere le prime canzoni come per sfogo. Ma è stato quando ho iniziato a vincere le prime battaglie di freestyle qui in zona che ho iniziato a capire che avevo del pontenziale. Sono arrivati così le mie prime partecipazioni a serate nei locali della provincia e, recentemente, anche contatti importanti per progetti di produzione».
Hai già chiaro il tuo futuro.
«A settembre, lascerò gli studi per andare a Milano per inseguire il mio sogno. Partirò insieme al mio manager e amico Simone Bulla. E spero che ùsi aprano delle strade…».
Sei ambizioso.
«Non lo nascondo. Mi piace definirmi una persona vera e autentica. Come lo è il rap, un genere musicale che esprime la voce della gente, racconta la realtà così come è».
Lo stesso si può dire del tuo singolo “Gomorra”, dove racconti del tuo quartiere?
«Sì. con questa canzone ho voluto denunciare i problemi del quartiere legati alla criminalità e al rischio che corrono i giovani di incappare in brutte strade. Riqualificare la zona con i murales serve a poco: i soldi andrebbero spesi per iniziative capaci di tenere i ragazzi fuori dai guai. In questo senso, la musica può diventare un’ancora di salvezza».
Di San Giuseppe si parla spesso dei problemi di integrazione. Che ne pensi?
«Sono figlio di due culture che si sono incontrate, avendo una madre russa e un papà napoletano. Non ci sono problemi di integrazione, si cresce tra gente di varie nazionalità: alla fine ciò che conta davvero è essere una persona per bene. Anche se chi vive a San Giuseppe lotta già contro i pregiudizi di una città intera: il che mi ha spronato ancora di più a lottare per il mio sogno».
Cioè?
«Quando ti accorgi che le strade a tua disposizione non sono poi così tante, scegli per te la migliore: e vai avanti con la fame negli occhi, battendoti per ciò in cui credi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*