Consiglio diviso su “Mai più Fascismi”, Jesi in Comune e PD abbandonano l’aula

JESI – Consiglio comunale infuocato, con Jesi in Comune e Pd che abbandonano l’aula prima della votazione. Al centro del dibattito c’è l’ appello “Mai più fascismi” presentato da Jesi In Comune – Laboratorio Sinistra, iscritto all’ordine del giorno.

Il gruppo consiliare di minoranza portava in aula la richiesta di aderire alla “condanna netta del fascismo, dei suoi valori anti democratici e di contrastare i gruppi neo fascisti e i loro complici silenziosi”, sulla scia di un appello nazionale che ha già raccolto i sì di molti simboli.

A dividere le forze politiche sulla questione, il sospetto di una qualche strumentalizzazione politica, in quanto l’appello, rivolto alle istituzioni e di livello nazionale, è sottoscritto anche da gruppi politici che hanno diretta parte nelle elezioni politiche del 4 marzo.

A questo si aggiunge poi l’accusa, da parte di Lega e alcuni esponenti della maggioranza, di incompletezza dell’appello in sè, in quanto la condanna andrebbe estesa a tutti i totalitarismi. In questo senso si inserisce la toccante testimonianza in aula della consigliera comunale di Patto x Jesi Lindita Elezi, originaria dell’Albania, che ha vissuto sulla propria pelle le conseguenze del comunismo.

Dalla maggioranza arriva allora la proposta di una risoluzione: fare propri i messaggi dell’appello e tradurli in azioni concrete sul territorio comunale, rilevato che le finalità contenute nel documento “Mai più fascismi” , “pur assolutamente condivisibili, possano essere spesso, e lo sia stato purtroppo in questa occasione, così prossima alle elezioni politiche, strumentalizzate e fatte oggetto di iniziative di parte, con evidenti o comunque intuibili scopi”. 

Ed è proprio questa frase ad accendere gli animi e a far scattare i consiglieri di Jesi In Comune e Pd: «Risoluzione invotabile» esclama Coltorti (Jesi in Comune) con Binci (Pd) che incalza «Come vi permette di parlare di strumentalizzazione?».

Animali e Fiordelmondo minacciano di uscire dall’aula, «Molto grave» sentenzia Santarelli (Jesi in Comune) facendo riferimento ai valori espressi nella Costituzione.

Jesi in Comune cerca allora di fare quadro sulle finalità “reali dell’appello”, ovvero quelle di  contrastare quelle forze che si stanno “moltiplicando nel nostro Paese sotto varie sigle organizzazioni neofasciste o neonaziste presenti in modo crescente nella realtà sociale e sul web” e che “diffondono i virus della violenza, della discriminazione, dell’odio”.

Ma il dibattito prosegue per almeno un’ora: non si riescono a superare le divisioni.

Respinte da parte di Jesi In Comune e PD le proposte di superare entrambi i documenti – ordine del giorno e risoluzione – per ambire ad un messaggio condivisibile da entrambe le parti o di sospendere la pratica per un confronto tra i vari capigruppo, si va ai voti: la maggioranza- pur non compatta con i consiglieri Cioncolini (Jesinsieme) e Fantini (Jesiamo) che si astengono – e Lega bocciano l’appello “Mai più fascismi” con 14 voti contrari. Favorevoli PD, Jesi In Comune e Movimento 5 Stelle.

Al momento di votare la risoluzione, tutti i consiglieri di Jesi In Comune e PD lasciano l’aula. La risoluzione viene approvata da maggioranza e Lega, contrario il voto del Movimento 5 Stelle.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*