L’8 Marzo tutto l’anno: ecco le iniziative a Jesi per la Festa della Donna

JESI – L’8 Marzo come occasione di riflessione: questo è il fil rouge che accomuna le numerose iniziative organizzate in Vallesina in occasione della Festa della Donna.

Non solo l’8, ma anche il 9 e 10 Marzo a Palazzo dei Convegni si terrà la rassegna “L’8 tutto l’anno” a cura di che affronta, tramite percorsi artistici, proiezioni, performance artistiche e docufilm, il tema della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Organizzata da alcune associazioni di categoria territoriali, la rassegna realizzerà gli eventi del tardo pomeriggio e serali presso lo Spazio Tnt in via Gallodoro 68.

Alle 19 di oggi, in piazzale Sansovino , aperitivo organizzato dal Comitato Abitanti Centro Storico per festeggiare il 1° anno dell’inaugurazione della panchina rossa, vicino la quale è stata di recente piantata anche una splendida mimosa.

Sabato 9 Marzo, a Teatro Pergolesi, ci sarà lo spettacolo Follie settimanali – ispirato ad una storia vera”: organizzato dal Rotaract Club di Jesi, lo spettacolo di denuncia contro la violenza sulle donne inizierà alle ore 21:00, ed includerà le coreografie della compagnia di ballo “Motus Danza A.s.d” e le musiche originali di “And the Bear”.

Già presente dal 7 Marzo, e fino al 13, la mostra fotografica “Obiettivo Donna” sempre a Palazzo dei Convegni. “La Grande Guerra vissuta dalle donne” è il titolo dello spettacolo teatrale che si terrà il 10 Marzo, ore 17:00, a Palazzo Pianetti organizzato da Fidapa Jesi.

Il 12 Marzo, alla Sala di Via San Francesco, si terrà una conferenza, il cui tema è volto a sottolineare il periodo storico di luce per le donne: “Il secolo delle donne? Il novecento femminile” aprirà una riflessione di carattere sociale a partire dalle ore 17:30.

La femminilità nella storia viene trattata anche nel convegno che si terrà a Palazzo Bisaccioni, dove si darà spazio alle “Donne ai tempi di Federico II”, in programma per il 24 Marzo alle ore 17:30.

L’impegno sociale e la sensibilità verso quello che viene ancora considerato “il sesso debole” da parte del Comune di Jesi sembra essere sempre più attivo e variegato, aperto a tutta la cittadinanza e non solo.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*