La Cna chiama i candidati sindaco al question time | Password Magazine

Santa Maria Nuova, la Cna chiama i candidati sindaco al question time

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SANTA MARIA NUOVA  – La gravità della crisi economica richiede urgenti misure volte al rilancio dell’economia ed alla crescita della domanda interna.Nei primi tre mesi dell’anno a Santa Maria Nuova a fronte di 9 nuove iscrizioni si sono registrate 10 cessazioni. Le chiusure riguardano in diversi casi attività artigianali e commerciali storiche, cioè quelle imprese che hanno contribuito a creare l’identità del territorio.

In negativo i saldi tra iscrizioni e cessazioni del comparto edilizia, agricoltura, servizi di informazione e comunicazione. La situazione è grave e la Cna crede che le Istituzioni locali devono lavorare per contribuire alla ripresa, con la dovuta attenzione alle esigenze del sistema imprenditoriale.

Ieri sera, i candidati a sindaco di Santa Maria Nuova sono stati messi alla prova dal “question time” proposto dalla Cna.
L’incontro/dibattito si è svolto presso la sala dell’ex Teatro in via Garibaldi, aperto a imprenditori e cittadini, alla presenza di tutti e tre i candidati (in ordine alfabetico) Alfredo Cesarini, Fabio Iencenella e Angelo Santicchia.
CNA ha chiesto quali idee e strategie vogliono mettere in campo, se eletti, per Santa Maria Nuova, sia per il bene dei cittadini che del sistema produttivo. Il tempo a disposizione per dare risposte è stato il medesimo, senza possibilità di sforare i tre minuti messi a disposizione per ogni risposta.

Secondo CNA, infatti, l’amministrazione locale deve svolgere un ruolo primario per il superamento della crisi economica in atto, sostenendo l’attività delle PMI, attraverso l’attuazione dei seguenti provvedimenti:

  • Costituzione e convocazione periodica di una consulta economica;
  • Attenzione e particolare impegno alla riqualificazione del centro cittadino;
  • Coinvolgimento delle imprese locali nella realizzazione delle opere pubbliche;
  • Attivazione di tutte le risorse disponibili per manutenzioni ordinarie e straordinarie, di efficientamento energetico e di  fornitura di servizi;
  • Agevolazione di procedure relative alle opere di ristrutturazione e ammodernamento degli edifici;
  • Creazione di fondi e contributi a sostegno delle neo imprese artigiane e commerciali che nascono sul territorio comunale;
  • Accesso ai fondi della Comunità Europea che possono costituire una fonte importante per la realizzazione di progetti di sviluppo economico, di riqualificazione urbanistica, di formazione (attraverso l’unione con altri comuni);
  • Riduzione della burocrazia migliorando la comunicazione tra imprese e pubblica amministrazione;
  • Definizione di un progetto di sviluppo turistico (attraverso l’unione con altri comuni).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.