La Colonia di Antonietta si trasferisce: pronto un terreno privato per i gatti | Password Magazine

La Colonia di Antonietta si trasferisce: pronto un terreno privato per i gatti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Pronto un terreno per accogliere i gatti della colonia di Antonietta. Si tratta di un appezzamento sito in via Piandelmedico, di 1250 mq, messi a disposizione dalla volontaria Deborah Migliorini che ha deciso di propria iniziativa di acquistare un’area e di destinarla al progetto di un orto-rifugio per gatti.

«Sono tre anni che vengo qui, in via Zanibelli, a dare una mano a Antonietta – racconta la Migliorini -. Dato che c’era necessità di un posto dove trasferire gli animali della colonia, insieme a mio marito abbiamo acquistato il terreno con l’obiettivo di metterlo a disposizione delle volontarie».

Deborah, originaria di Milano, è residente a Cingoli e proprietaria di un country house. Tempo fa si era rivolta alla signora Antonietta Ferretti, per due micetti rimasti senza la mamma e solo in lei aveva trovato un aiuto concreto. «Da quel momento non l’ho più lasciata, anzi, ho iniziato a frequentarla come volontaria – racconta- colpita dall’amore e dalla dedizione con cui questa signora da anni si dedica ai gatti della colonia»

La Colonia di Antonietta ora si costituirà in associazione e gestirà la nuova struttura:  «Sarà un luogo di incontro – spiega la volontaria – qui i gatti potranno ricevere coccole e cure mentre le persone potranno godere della loro compagnia, anche con percorsi di pet therapy, e perché no valutare una possibile adozione».

20201121_112112

Abbandonata l’ipotesi dell’oasi felina che il Comune avrebbe dovuto realizzare in località Mazzangrugno, le volontarie hanno trovato finalmente una sistemazione alternativa all’area attualmente occupata in via Zanibelli, accanto al canile, dove le casette-rifugio presto saranno abbattute dalle ruspe che lavorano per creare una nuova strada d’accesso. É passato oramai un anno da quando una petizione firmata da migliaia di cittadini chiedeva al cantiere di fermarsi e di lasciare intatto il rifugio che attualmente ospita circa 150 gatti.

«Ora tutto quello che ci serve è un po’ di solidarietà  – spiega Antonietta -. C’è bisogno del contributo di tutti per rendere l’area individuata adatta a ricevere i nostri amici a quattro zampe: priorità sarà installare una recinzione, necessaria per la sicurezza degli animali. Anche una piccola donazione può aiutarci ad acquistare la rete».

Oltre ad Antonietta e a Deborah, ci saranno anche le altre volontarie Laura, Gabriella, Marzia e Federica che si daranno da fare per trasformare La Colonia di Antonietta in un progetto per la comunità.

É già possibile effettuare donazioni attraverso PayPal –  lacoloniadiantonietta@gmail.com mentre presto sarà attivato anche un IBAN. Tutte le informazioni alla pagina La Colonia di Antonietta.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.