La colonia felina di Jesi sarà demolita, l’appello: «Fermate questa ingiustizia»

JESI – Giù le mani dalla colonia di Antonietta. É il grido di allarme dei volontari che operano al gattile di Jesi, un’ oasi che ospita circa un centinaio di gatti, da vent’anni gestita dalla signoria Antonietta Ferretti in via Zanibelli. 
Uno spazio che dalla prossima settimana rischia di essere distrutto per fare posto a un nuovo ingresso per l’antistante canile sanitario.

«Un contenzioso tra privato e Asur per la proprietà del terreno si è concluso con una sentenza del Tribunale che affida al primo il pezzo di terra su cui è situata la strada d’accesso e obbliga il secondo a costruire un nuovo ingresso per il canile sanitario – spiegano i volontari  dell’oasi felina -. I lavori inizieranno già da lunedì prossimo, distruggendo le 7 casette in legno e cemento dove trovano attualmente ricovero i gatti di Jesi per fare spazio alla nuova via d’accesso». Una notizia arrivata ai volontari di Antonietta in questi giorni, come una doccia fredda, a pochi giorni dal via agli interventi di sgombero. Spazi che costituiscono non solo una colonia ma un vero e proprio rifugio per gli animali abbandonati e randagi in difficoltà: «L’associazione che gestisce il canile metterà a disposizione delle cuccette ma non è sufficiente – spiega Katia Fava, volontaria -, soprattutto in questo periodo in cui le temperature sono basse e i gatti rischiano di morire per il freddo». Senza parlare del rischio per i gatti che rischiano di restare uccisi durante l’esecuzione dei lavori: «Il Comune dovrebbe garantire un servizio per il ricovero dei felini, garantendo un’oasi recintata o gattile con il mantenimento di tale strutture – spiega -. Cosa sta facendo l’Amministrazione comunale? Se il Comune riconoscesse la colonia come oasi a tutti gli effetti – quale è di fatto, come ha ammesso sulla stampa anche l’assessore Cinzia Napolitano – potremmo ottenere condizioni migliori per i nostri gatti. Che l’Amministrazione intervenga e non lasci questi poveri gatti, bisognosi di cure e affetto, senza un rifugio».

A cura di Chiara Cascio

 

16 Commenti su La colonia felina di Jesi sarà demolita, l’appello: «Fermate questa ingiustizia»

  1. No!! Non lo possiamo permettere!! Tutte le cose belle e giuste noi le distruggiamo!! Non é giusto. Rimarrá li!!!!! Forza!

  2. Vergogna!!!! Le colonie feline sono tutelate per legge!!!! Il sindaco deve intervenire perché gli animali sono sotto la sua tutela! Altrimenti è un inadempiente!!!!!

  3. INVECE DU AIUTARLA DI TROVARE UN ALTRO POSTO BELLO X LORO E DARE UNA MANO ALLA SIGNORA,COSA FANNO ,DISTRUGGONO non solo la vita della signora ma sopratutto quello dei gatti!!!MA EVIDENTE CHE A LORO NN IMPORTA NULLA DEI GATTI!!!!SIETE LA VERGOGNA DEL MONDO INTERO!!!!!

  4. Non bastava prendersela con i cani di proprietà! Ora ci vanno di mezzo pure i gatti del gattile!😠
    Jesi non è proprio un paese per animali d’affezione!😠
    “La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali” Mahatma Gandhi

  5. Prima di distruggere bisogna che il comune di Jesi trovi un’altra soluzione per ricovero per questi meravigliosi animali che vanno innanzitutto tutelati, da elogiare il lavoro e l’affetto dei volontari di questo gattile.

  6. Ma possibile? Solo interventi distruttivi invece di aiutare le volontarie e gli animali. La civiltà di un paese si dimostra anche attraverso la difesa e l’accudimento di chi non può difendersi. Ripensateci

  7. Boicottiamo Jesi, il turismo ed il commercio vanno ridotti drasticamente e va fatto sapere a tutti, tv e stampa compresi, di che pasta frolla è fatto il Comune di Jesi.

  8. cognata carissima hai lavorato tanto per loro seza chiedere niente ma purtroppo questo mondo è così non fartene una malattia sei stata una bella persona ciao

  9. Guai a chi tocca cani e gatti, non solo la maledizione lì stracolga ma anche l’ira di chi a a questi animali dedica il suo tempo e pure qualche soldo fra l’indifferenza se non la contrarietà di chi invece dovrebbe proteggerli

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*