La crisi non demorde, a Jesi chiudono due imprese al giorno | | Password Magazine

La crisi non demorde, a Jesi chiudono due imprese al giorno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Da uno studio condotto dalla Cna di Jesi area vasta emerge che, i primi tre mesi dell’anno, sul fronte imprese si segnano numeri negativi su tutto il territorio.

“Sono stati presi in esame quattordici comuni dell’entroterra jesino – spiega Andrea Riccardi Segretario della Cna – e i dati che ne emergono sono disastrosi: a fronte di 155 nuove aperture si sono registrate 196 chiusure (saldo di –41). Nonostante le diverse caratteristiche territoriali, la quasi totalità dei comuni registra un saldo negativo tra aperture e chiusure: Jesi (aprono 74 imprese e ne chiudono 87: saldo -13); Cupramontana (3 aperture contro 15 cessazioni: -12); Filottrano (16 nuovi contro 22 cessati: -6); San Marcello (4 aperture contro 7 chiusure: –3); Castelbellino, Castelplanio, Maiolati e Poggio San Marcello (ognuno conta un saldo tra aperture e chiusure di –2); Monsano, Santa Maria Nuova e San Paolo di Jesi (saldo –1).

I tre comuni del comprensorio jesino che segnano un saldo positivo sono: Monteroberto (+2), Mergo e Rosola (entrambi +1).

Se confrontiamo la situazione dell’area con il resto della provincia di Ancona notiamo che il trend viene confermato: 872 aperture contro 1.122 chiusure per un saldo di -250”.

Secondo lo studio della Cna non c’è un settore merceologico che segna numeri positivi: tra aperture e chiusure a raggiungere  il risultato peggiore è il commercio all’ingrosso e al dettaglio con un saldo di –34 (21 aperture contro 55 chiusure), seguito dall’agricoltura con un saldo di –22 unità (27 aperture contro 49 chiusure); i servizi di alloggio e ristorazione segnano un –3 (2 aperti 5 cessati), così come le costruzioni (16 contro 19) e la manifattura chiude i primi tre mesi dell’anno con un saldo di –1 ( 13 aperture e 14 chiusure).

“L’auspicio è che nel 2016 si segni una svolta e si pianifichino a livello nazionale politiche forti volte al sostegno delle imprese e al rilancio dei consumi – continua Riccardi – da parte mia l’impegno è massimo nel sostenere gli imprenditori che da anni lavorano e che hanno contribuito a costruire l’identità del territorio, ma anche nell’accompagnare i giovani e meno giovani che decidono di avviare una nuova attività attraverso momenti di confronto e di formazione”.

A tal proposito la Cna di Jesi sta organizzando un momento di formazione indirizzato a coloro che intendono avviare un’attività artigianale o commerciale, prendendo in considerazione gli aspetti legati ai finanziamenti, al business plan e agli strumenti di gestione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.