“La cultura vien viaggiando”, quattro appuntamenti per quattro viaggi

JESI – Nuovo appuntamento per l’iniziativa “La cultura vien viaggiando” con nuove avventure da vivere e novità da scoprire.

Dal 2011 l’iniziativa viene portata avanti con successo dal Centro Turistico Giovanile “”Vallesina” sotto la guida del presidente Maurizio Gualdoni, con il patrocinio del Comune di Jesi, della Regione Marche e del Consiglio Regionale. L’iniziativa ha lo scopo di condividere esperienze di viaggio alla scoperta di posti unici al mondo, è da sempre ben accolta dalla comunità che ogni anno accorre numerosa, “a nome dell’amministrazione comunale c’è il totale supporto e appoggio – esordisce l’assessore Paola Lenti – perché eventi di questa portata permettono la trasmissione della cultura, e soprattutto, la possibilità di assaporare luoghi e situazioni attraverso il vissuto di chi ha fatto il viaggio”. I protagonisti sono jesini che in totale autonomia e libertà hanno organizzato il loro viaggio e documentato ogni più piccola sfaccettatura per creare un documentario a tutto tondo: dietro a tutto ciò c’è ricerca e studio, il video viene montato con la loro voce di sottofondo che spiega e descrive ciò che appare, la musica – che spesso proviene dal repertorio del luogo – farà da contro e le foto animate faranno da protagoniste.

Il format dell’iniziativa è di 4 appuntamenti spalmati su tutto il mese di novembre, presso l’auditorium dell’Hotel Federico II alle 21.15: si inizia questo venerdì con “Thailandia…la terra del sorriso!” a cura di Michela Mazzanti e Antonio Maruzzi; venerdì 16 l’appuntamento sarà “in Oman, alla corte del Sultano” grazie alla narrazione di Alessia Bernardi; venerdì 23 si assisterà al racconto di Paola Ceccarelli e Mirko Bonci dal titolo “Ecuador e Galapagos: sognare ad occhi aperti” e si concluderà venerdì 30 con il viaggio di Andrea Bonfitto dal titolo  “Chernobyl e i fantasmi sovietici”.

“Sta diventando un appuntamento fisso per la cittadinanza e questo ci fa veramente piacere – commenta il presidente dell’associazione –  quello che ne scaturisce è un bellissimo quadro del paese protagonista del viaggio. Attraverso i racconti e le emozioni provate durante l’avventura, il viaggiatore è in grado di trasmettere cultura e tradizione del luogo”. Ad ogni appuntamento ci sarà “l’angolo degli oggetti” in cui oggi viaggiatore porterà 5 oggetti che hanno caratterizzato il loro viaggio e una “carta d’identità” del luogo trattato grazie a Martina Ciattaglia, verranno illustrati clima, lingua, popolazione, alloggi e organizzazione in generale qualora si volesse visitare quel luogo. E visto che di turismo si parla, l’Associazione ha voluto valorizzare il ricco patrimonio del nostro paese attraverso il video “l’Italia in pillole”: venerdì 9 e venerdì 23 presenteranno le bellezze dell’Italia del nord e le altre due serate saranno dedicate all’Italia del Sud.

Come anticipato, l’ultima serata sarà dedicata a Chernobyl e a parlare sarà Andrea Bonfitto, 42enne di origini pugliesi che da oltre 20 anni vive a Jesi, “ciò che mi ha spinto a fare quel viaggio è stata la curiosità di vedere dal vivo quel luogo che tanto mi ha scosso”, così ci anticipa Andrea, con l’espressione di chi ha tanto da raccontare. In più, dal luglio del 2017 Andrea Bonfitto collabora con “turisti per caso” come guida del medio oriente all’interno del sito web di Syusy Blady e Patrizio Roversi e grazie a questa collaborazione è riuscito a divulgare l’iniziativa: per la prima volta nel sito di turisti per caso si parla di Jesi e de “La cultura vien viaggiando”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*