La Fornace, terza edizione rassegna "La centralità della questione di genere" | Password Magazine
Festival Pergolesi

La Fornace, terza edizione rassegna “La centralità della questione di genere”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – L’Amministrazione comunale organizza, in collaborazione con le associazioni “Filìa” e “Quello che le donne non dicono”, la terza edizione della rassegna dal titolo “La centralità della questione di genere”, in programma alla biblioteca La Fornace di Moie. Il tema del nuovo ciclo di incontri sarà “Il tempo delle donne”.

Quattro gli eventi in calendario, il primo dei quali si terrà venerdì prossimo (28 febbraio), alle ore 21. La serata si strutturerà in diversi momenti: la presentazione delle associazioni Federcasalinghe e Filìa, la proiezione dei videoclip “Nessuno tocchi Eva” di Stefania Secondini e il dibattito con la scrittrice Laura Molinelli su “La Donna  tra presente passato”. L’incontro successivo sarà il 21 marzo, sempre alle 21. A presentarsi sarà la sezione di Jesi dell’associazione Fidapa, mentre a parlare di donne, in particolare de “La Donna nelle Marche di inizio Ottocento”, sarà un’altra scrittrice: Graziella Magrini. La rassegna proseguirà il 4 aprile affrontando un altro tema di drammatica attualità: “La violenza psicologica sulle Donne”. Il pubblico potrà discuterne con la scrittrice Nadia Diotallevi. L’ultimo appuntamento della terza edizione de “La centralità della questione di genere” è fissato per il 16 maggio con la proiezione del Film “Tutta la vita davanti” di Paolo Virzì.

“La rassegna – spiega l’assessore comunale ai Servizi sociali Fabiana Piergigli – è incentrata sul valore e sull’impiego del tempo per le donne. Attraverso i tre incontri e il film si delinea un excursus storico del cambiamento sociale del ruolo della donna a livello generale, nel primo appuntamento, calato nel contesto regionale, nel secondo incontro, si fa una deviazione psicologica, parlando della dipendenza affettiva e della resistenza al cambiamento della nostra società, nel terzo, e si termina con un film che vuole riassumere il cambiamento attraverso il racconto di vissuti di donna. Insomma la rassegna vuole delineare un ritratto della donna del nostro tempo in eterno conflitto tra l’essere ed il dover essere: tra ciò che vorremmo essere e quello che ci si aspetta da noi. La vera novità di quest’anno è il coinvolgimento delle associazioni che si dedicano al mondo femminile, per arricchire l’iniziativa e per rimanere in linea con una strategia di coinvolgimento delle realtà associative del territorio, che la Biblioteca la Fornace di Moie sta portando avanti”.

L’assessore Piergigli osserva, inoltre, come “oggi le donne sono libere di studiare, lavorare, divorziare, viaggiare e a nessuno verrebbe in mente di considerarle solo nel ruolo di madre e moglie, ma quali sono le coercizioni del contesto di vita? Anche tra gli uomini, nonostante sia superato il modello dell’uomo ermetico agli affetti, quanti di loro sono liberi di piangere, commuoversi o tirare fuori la propria sensibilità senza sentirsi giudicati? Nel giro di qualche anno i mutamenti sociali si sono manifestati con l’introduzione di leggi egualitarie; ma dovranno passare intere generazioni prima che venga assimilato il cambiamento e si allontanino modelli e archetipi di ruoli maschili e femminili imposti dalla società”.

Il progetto su “La centralità della questione di genere” è nato da un ordine del giorno del Consiglio comunale. Nel documento, votato nel 2011 all’unanimità dall’assemblea degli eletti maiolatese, si impegnava il Consiglio a garantire “il rispetto della dignità umana e dell’integrità della persona affinché il marketing e la pubblicità che comportano discriminazione dirette o indirette non trovino accoglienza nei mezzi di comunicazione del comune di Maiolati Spontini, nelle attività da esso patrocinate o collegate ad esso”. L’impegno era anche a “promuovere iniziative, interventi e proporre progetti volti a diffondere l’immagine della donna e dei suoi valori di merito, impegno, passione, al fine di trasmettere nelle giovani generazioni il rispetto delle differenze di genere. A battersi contro ogni forma di patriarcato perché ogni donna decida liberamente e abbia riconosciuti pieni diritti di eguaglianza, in famiglia, nella società e sul lavoro, sanciti dalla Costituzione. Ad assumere il principio della rappresentanza paritaria di donne e uomini, favorire una politica paritaria tra uomini e donne appartenenti a gruppi etnici minoritari anche attraverso la promozione di una reale integrazione sociale, combattere con la stessa intensità tutte le forze di discriminazione”.

Un ordine del giorno che l’Amministrazione ha tradotto in iniziative concrete, come appunto la rassegna sulla centralità delle questioni di genere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.