"La Fuga in Maschera": domani in scena l'opera recuperata di Gaspare Spontini | Password Magazine
Festival Pergolesi

"La Fuga in Maschera": in scena l'opera recuperata di Gaspare Spontini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Venerdì, alle ore 20, al Teatro Pergolesi di Jesi,  torna in scena “La fuga in maschera” di Gaspare Spontini, dopo 212 anni di silenzio. L’opera fu rappresentata nel 1800 un’unica volta al Teatro Nuovo sopra Toledo, a Napoli, per la stagione di carnevale di quell’anno e poi scomparve nel nulla per oltre due secoli. La partitura sembrava perduta sino a quando l’antiquaria inglese Lisa Cox ne mette all’asta il manoscritto autografo della commedia per musica in due atti.

Il resto della storia è noto: nel 2007, la partitura autografa dell’opera ritenuta scomparsa fu acquistata dal Comune di Maiolati Spontini con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, e da venerdì finalmente la sua musica tornerà a risuonare, al Teatro Pergolesi di Jesi, aprendo in grande XII Festival Pergolesi Spontini. Si tratta dunque di una prima esecuzione che restituirà una musica mai ascoltata in epoca moderna.

Il monoscritto autografo di "La Fuga in Maschera"

“Riportare il manoscritto autografo di un’opera di Spontini nella sua città natale rappresenta per me e per l’Amministrazione comunale il concretizzarsi di una piccola ambizione – ha spiegato il sindaco di Maiolati Giancarlo Carbini – La sinergia di enti pubblici e privati è stata in questo caso di incentivo alla cultura, favorendo il recupero di una ricchezza, un’eccellenza del nostro territorio, apprezzata in tutta Italia e anche all’estero”.

Anche il sindaco di Jesi Massimo Bacci ha espresso il suo entusiasmo per la messa in scena dell’opera: “Credo che valorizzare i personaggi e le ricchezze culturali del territorio rafforzi sempre più il collegamento tra Jesi e la Vallesina. La fuga in maschera  è una novità e credo che sarà un successo”.

“Il Festival si apre con un titolo assolutamente nuovo, un’opera autografa del celebre compositore di Maiolati che, insieme a Rossini e a Pergolesi, rappresenta uno dei pilastri musicali marchigiani più famosi al mondo  – ha dichiarato poi William Graziosi, Amministratore Delegato della Fondazione Pergolesi Spontini – Nonostante le ristrettezze imposte dalla crisi economica, la Fondazione continua il suo operare nella cultura, offrendo opportunità di lavoro e incentivando il turismo”.

La fuga in maschera di Gaspare Spontini sarà riproposta in replica il 2 settembre, alle ore 20. La direzione è di Corrado Rovaris, la regia di Leo Muscato. Suonano I Virtuosi Italiani. Nel cast interpreti di spicco quali Ruth Rosique (Elena), Caterina di Tonno (Olimpia), Alessandra Marianelli (Corallina), Clemente Daliotti (Nardullo), Filippo Morace (Marzucco), Alessandro Spina (Nastagio), Dionigi D’Ostuni (Doralbo).

Nel corso delle rappresentazioni dell’opera, il pubblico potrà visionare im manoscritto autografo di Spontini, esposto nelle Sale Pergolesiane del Teatro.

Il Festival prosegue fino al 16 settembre con concerti, spettacoli ed eventi dedicati ai temi del travestimento e della trasformazione. 

Sabato 1 settembre alle ore 21 al Teatro Moriconi di Jesi, Corrado Rovaris dirige I Virtuosi Italiani e una tra le più promettenti giovani violiniste italiane, Anna Tifu, in un concerto dal titolo “Accademia Strumentale”.

Venerdì 7 settembre ore 21, in piazza Federico II a Jesi, il musicista londinese Roberto Tiso in “Crystal Sound” intrpreata grandi capolavori della musica classica e moderna suonando una serie di calici di cristallo (cristallofono).

Sabato 8 settembre, ore 21, al Teatro comunale di Montecarotto, il mezzosoprano Marina Comparato, accompagnata al pianoforte di Gianni Fabbrini è protagonista del concerto “La poesia di Metastasio: Girolamo Crescentini tra classicismo, restaurazione e rivoluzione preromantica” su musiche di Haydn, Crescentini, Beethoven, Schubert, Donizetti.

Venerdì 14 settembre, ore 21, nella Pontificia Basilica della Santa Casa di Loreto l’ensamble vocale Vox Cordis, diretto da Lorenzo Donati, intona “Sub Tuum Praesidium”. Suonano Alessandro Culiani, violincello, e Simone Baiocchi, organo.

Chiude il programma del Festival Pergolesi Spontini l’azione scenica “L’ultimo Spontini” alla Casa delle Fanciulle di Maiolati Spontini domenica 16 settembre dalle ore 18, che fotografa uno Spontini ritratto in un momento di vita familiare, su testi di Valeria Esposito e Silvano Sbarbati, tratti dall’epistolario di Spontini, con attori del Gruppo Baku e la regia di Simone Guerro. La pièce è segutia dalle arie da camera di Gaspare Spontini, interpretate dal soprano Valeria Esposito, e dal concerto presso la Chiesa di Santo Stefano con Paolo Oreni all’organo e Marco Pierobon alla tromba.

 

a cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.