La Jesina cede sul filo di lana e il Fano taglia il traguardo: 0-1 | | Password Magazine
Banner4Baffi

La Jesina cede sul filo di lana e il Fano taglia il traguardo: 0-1

JESI – Se non fosse per il caldo opprimente di questi giorni, verrebbe da dire che per i leoncelli è stata una doccia gelata proprio quando pensavano di aver condotto in porto un pareggio a reti bianche che ci stava. Anzi, l’occasione più ghiotta sino all’89’ fatale, l’avevano avuta proprio loro, con l’indomabile Trudo, sul finire del primo tempo.

Ma il calcio, si sa, vive anche di quello che non ti aspetti. E ci scappa la sconfitta per 0-1.

A beffare Tavoni è stato proprio il Trudo fanese, vale a dire Eklu Shaka, entrato nella ripresa, che con la sua rasoiata su punizione dal limite esterno, oltre a tagliare l’erba, ha tagliato anche barriera e porta.

Con la sfera che beffarda s’è andata a insaccare sull’angolo basso alla sinistra dell’estremo jesino.

Palla al centro e fischio finale. Per l’Alma Juventus era fatta.

Partita gagliarda se si considera la temperatura ambientale e la preparazione in divenire. Non si sono annoiati, insomma, i circa 200 che hanno assistito a questa amichevole a tutto tondo visto che le due tifoserie  sono da tempo gemellate (anche se quella fanese non c’era per altri impegni) e si vogliono un gran bene.

Fano più manovriero, lanciato a sfruttare le fasce e con possesso palla, tanto è vero che a partita iniziata batteva tre angoli consecutivi.

Jesina a recitare la parte di “aspetto ma non tremo”,  lanci lunghi per il duo Trudo- Pierandrei  e quando i dialogo riusciva, interpretato anche da Cameruccio, la difesa granata – vestita stavolta di blu – era in affanno.

 Carotti al rientro – assente con l’Altamura – dirigeva il traffico e dispensava idee a tratti ma lo attendiamo a ben altri cimenti, quando conterà per i punti che pesano.

L’occasionissima Jesina al 40’: servito  in modo ingegneristico da Pierandrei, non un centimetro più non un centimetro meno, il Kevin scagliava dal vertice d’area un pallone destinato in rete. Ma Miori, portiere fanese, in volo disperato sulla sua destra toccava di quel tanto – poco – per deviare sulla traversa e fuori una palla che, fatalmente poi, la Jesina si ritroverà nella sua, di rete.

Leoncelli in crescendo, comunque, anche se orfani momentanei di D’Alessio – postumi di un acciacco – e definitivi di De Marchi. Che ha scelto altri lidi.

Prossima amichevole in programma, mercoledì 9 agosto, con un’altra squadra amica, la Biagio Nazzaro. Appuntamento a Chiaravalle con orario d’inizio alle 18.30.

JESINA – FANO  0 – 1

JESINA: Tavoni; Silvestri (53’ Frezzi), Giorni, Gremizzi, Anconetani (82’ Zannini); Cameruccio, Carotti (65’ Parasecoli), Magnanelli (89’ Massei), Sassaroli (72’ Serantoni); Trudo (87’Giuliani), Pierandrei.  All. Franco Gianangeli

FANO: Miori (46’ Thiam Ngagne); Lanini (53’ Soprano), Ferrani (53’ Camilloni), Gattari (59’ Maddaloni), Fabbri (73’ Simone); Torelli (53’Costantino), Capeluppo (67’ Iannucci), Schiavini (46’ Varano); Filippini (46’ Eklu Shaka); Fioretti (46’ Melandri), Germinale (46’ Rolfini).  All. Agatino Cuttone

Arbitro: Santucci di Jesi, coadiuvato da Paolella e Marinelli di Jesi

Reti: Eklu Shaka all’89’.

Pino Nardella – Foto Cristian Ballarini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.