La memoria strumento di educazione alla pace, il progetto di Arci Servizio Civile Jesi | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

La memoria strumento di educazione alla pace, il progetto di Arci Servizio Civile Jesi

JESI – Presentato il progetto “la memoria come strumento di educazione alla pace” che vede coinvolta la sede di Arci Servizio Civile Jesi a livello nazionale

Il progetto nazionale “La memoria come strumento di educazione alla pace” ha preso il via con il nuovo bando per il Servizio Civile Nazionale dell’anno 2017/2018 e vede coinvolte anche la sede di Arci Servizio Civile Jesi con due volontari Servizio Civile, Irene Catani e Luca Tavoloni. Con loro altre otto sedi: Arci Servizio Civile Roma, Arci Servizio Civile Bologna, Arci Servizio Civile Viterbo, Arci Servizio Civile Genova, Arci Servizio Civile Torino, Arci Servizio Civile Lombardia (Milano), Arci Servizio Civile Vicenza e Arci Servizio Civile Piombino.

Il progetto si è focalizzato su due eventi di importanza cruciale per la storia umana – commentano il Presidente ARCI Servizio Civile, Stefano Squadroni, e l’OLP del Servizio Civile, Giulia Badiali – l’Anniversario della liberazione (25 aprile) e la Giornata della Memoria (27 gennaio), “con lo scopo di contribuire alla promozione della Pace e della Memoria – commenta il volontario Servizio Civile Luca Tavoloni – al fine di sensibilizzare i giovani in merito a temi di carattere storico che oggi purtroppo si percepiscono lontani, andando quindi anche a soffermarci su temi quali la resistenza e la shoah”.

Partiti da un format di 5 giorni di formazione specifica presso la sede Arci Servizio Civile Nazionale in cui hanno delineato le modalità e le tempistiche su come sviluppare il progetto, Il lavoro si è poi articolato in una prima parte di acquisizione di specifiche conoscenze relative ai suddetti temi, i ragazzi hanno quindi consultato archivi, incontrato esperti e letto numerosi libri per avere un quadro definito e chiaro su quali sono stati gli avvenimenti accaduti nel territorio italiano durante la Seconda Guerra Mondiale.

“Abbiamo poi letto i quotidiani “Corriere Adriatico” e il “Resto del Carlino” dal 1950 ad oggi, e nei periodi che vanno dal 21 al 28 aprile, e dal 25 al 30 gennaio – commenta Irene Catani, volontaria Servizio Civile Nazionale – per capire come è stata tratta l’informazione e con che entità”.

Parte fondamentale del progetto è stata la stesura di un questionario con domande relative ai temi approfonditi presentato a ragazzi dai 18 ai 28 anni, in accordo con le altre sedi che hanno aderito al progetto. Nello specifico a Jesi è stato somministrato alle classi quinte dell’”ITCG Cuppari” di Jesi, presso la biblioteca di Jesi e in quella di Moie. Sui risultati dei circa 100 questionari somministrati, c’è molto da dire: i giovani hanno le idee confuse e purtroppo c’è poca cultura in merito, e soprattutto poca percezione di ciò che è stato il fenomeno. “Bisogna intensificare lo studio all’interno delle scuole di quello che la resistenza, la shoah e date come il 25 aprile e il 27 gennaio rappresentano – commenta l’assessore Lenti Paola – e soprattutto parlare di ciò che è stata la ricaduta a livello locale”.

Fiero di questo progetto anche il professore dell’”ITCG Cuppari” di Jesi, il prof. Ero Giuliodori, portavoce dell’Istituto che, grazie alla collaborazione e disponibilità della dirigenza, ha partecipato al progetto: sottolinea l’utilità della memoria e di come questi progetti possano essere un valido mezzo per preservare la storia nelle menti dei più giovani, “e spero che l’obiettivo per il prossimo anno di coinvolgere tutti gli altri Istituti di Jesi si possa raggiungere”.

Come si evince dal titolo del progetto, la memoria, o per meglio dire, la storia dovrebbe avere un ruolo chiave all’interno della formazione di un individuo. “Seguendo l’AMPI nella giornata del 25 aprile – conclude Stefano Squadroni – abbiamo notato come in questo caso la giornata della liberazione viene percepita come un qualcosa di ormai troppo distante dove gli unici partecipanti sono coloro che l’hanno vissuta direttamente o indirettamente”.

Il progetto termina a settembre di quest’anno: qualche mese ancora per la conclusione definitiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.