La morte di Scarponi, la vigilessa: "Lo avevo incrociato e salutato 5 minuti prima" | | Password Magazine

La morte di Scarponi, la vigilessa: “Lo avevo incrociato e salutato 5 minuti prima”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FILOTTRANO – Il destino ha chiuso la porta della vita stamattina poco dopo le 8 a Michele Scarponi mentre transitava in via dell’Industria all’altezza dell’intersezione con via Schiavoni.

La provinciale 362 Jesina sale verso Filottrano e saliva anche il furgone Iveco, condotto da un 57enne falegname filottranese, contro il quale il famoso ciclista, 37 anni, è andato a schiantarsi mentre scendeva.

Il mezzo avrebbe tagliato la strada per svoltare e il conducente non si è accorto che in quel momento stava arrivando Michele. L’impatto frontale non gli ha lasciato scampo.

A nulla sono valsi i soccorsi,  il personale medico dell’eliambulanza levatasi da Torrette non ha potuto che constatarne il decesso.

La notizia si è sparsa immediatamente, non solo a Filottrano. Lo strazio della famiglia, subito accorsa, la gente, gli automobilisti che in quel momento transitavano. In tanti si sono fermati. Senza parole, attoniti e increduli.

Due ore dopo ancora c’erano i carabinieri e la vigilessa che lo aveva incontrato proprio poco prima del terribile schianto.

“Lo incontravo ogni volta che passava sulla sua bicicletta – ricorda – . Ci salutavamo. E così anche stamattina l’ho incrociato mentre ero di servizio davanti a una scuola. Un attimo e mi è giunta la notizia di un incidente. Quando sono arrivata qui ho visto… Non ci potevo credere. Erano passati solo pochi minuti…”.

Un punto pericoloso quello, “andrebbe fatta una rotatoria” dice qualcuno e si affaccia anche l’ipotesi che il sole di fronte avrebbe abbagliato il conducente dell’Iveco che non si è accorto del sopraggiungere di Scarponi.

Lo sport è in lutto, piange un campione nella sua ultima corsa. E oggi lo ricorderà con un minuto di silenzio.

Lo ricorda, tra gli altri, anche l’amico di tante pedalate Roberto Mancini che in un post scrive: “Ancora non ci credo, 5 giorni fa la sua ultima vittoria oggi la più brutta delle notizie. Un abbraccio forte alla tua famiglia. Ciao Michele”.

a cura di Pino Nardella
(foto Ballarini)

foto dal post di Roberto Mancini

2 Commenti su La morte di Scarponi, la vigilessa: “Lo avevo incrociato e salutato 5 minuti prima”

  1. grade ciclista grade uomo, qualche anno fa fermo con la mia bici michele si e fermato x sapere se la bici si era rotta ,non da tutti.una bella persona mi piange il cuore.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.