La mostra fotografica dedicata a Tina Modotti a Palazzo Bisaccioni

JESI – La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi inaugura domani la mostra fotografica “Tina Modotti fotografa e rivoluzionaria” nelle sale di Palazzo Bisaccioni: attraverso un’esposizione che vuole delineare la sua vicenda esistenziale e artistica, raccontandone anche gli aspetti privati.

Fotografa, attivista e attrice, Tina Modotti è considerata una delle più grandi fotografe dell’inizio del XX secolo e una tra le figure più importanti e controverse del comunismo e della fotografia mondiale. La mostra a lei dedicata vuol ripercorrere le affascinanti vicende biografiche: di origini friulane, giovanissima emigrò negli Stati Uniti per poi trasferirsi in Messico dove partecipò attivamente alla fervida vita culturale e politica che negli anni Venti del Novecento animava il paese.

La mostra “Tina Modotti fotografa e rivoluzionaria” è composta da sessanta fotografie provenienti dalla Galerie Bilderwelt di Berlino di Reinhard Schultz, curatore dell’esposizione, suddivise in sei sezioni dall’idea di Francesca Macera: attraverso un percorso di sei tappe che ripercorrono i luoghi, le immagini, gli amici e gli amanti che fecero parte dell’affascinante universo di Tina, si scopre la sua grande abilità si fotografa e le passioni che ne condizionarono in maniera determinante la sua esistenza. L’obiettivo di Tina Modotti era quello di raccontare senza la pretesa di fare arte: «Utilizzava la fotografia come mezzo per fissare, attraverso l’obiettivo, la realtà – spiega Francesca Macera – ed è in Messico che si ha il corpus più grande delle sue opere, proprio perché attivista e vicina alla vita del luogo».

Le sei sezioni in cui è diviso il percorso espositivo sono “le origini”, parte dedicata alla sua storia familiare; “il cinema” in cui viene documentata la sua carriera hollywoodiana; “la fotografia” in cui viene raccontato il periodo in cui Tina si avvicina alla fotografia grazie al fotografo statunitense Edward Weston; “Messico”, terra di passioni e tumulti in cui la giovane artista trova rifugio amore e ispirazione; “le passioni di Tina” in cui vengono ritratti amici, amori ed intellettuali tra cui Frida Kahlo, Julio Mella, Vittorio Vidali; “la politica”, periodo in cui abbandona la fotografia per dedicarsi completamente all’attivismo che la porta fino alla sua misteriosa morte dentro un taxi nel 1942 a Città del Messico.

A completare il percorso della mostra ci sarà la proiezione del film “The tiger’s coat”, il lungometraggio muto che vede una giovane e bellissima Tina Modotti nel ruolo della protagonista. Lanciata sui giornali dell’epoca come una bellezza sensuale ed esotica, interpreta il ruolo in maniera personale ed originale concentrandosi sull’espressività del volto, dimostrando anche in questo campo la sua assoluta modernità e e il suo modo di andare controcorrente.

La mostra sarà inaugurata presso le sale di Palazzo Bisaccioni domani alle 18: sarà fruibile tutti i giorni, compresi sabato e domenica, con gli orari 9,30/13 e 15,30/19,30 e terminerà domenica primo settembre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*