La mostra "Strapaesaggi, incisioni di Morandi, Bartolini e Ciarrocchi" a Palazzo Bisaccioni | | Password Magazine

La mostra “Strapaesaggi, incisioni di Morandi, Bartolini e Ciarrocchi” a Palazzo Bisaccioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi dà il via ad un appuntamento con l’arte visiva mettendo in scena la mostra dal titolo “Strapaesaggi”: lunedi 18 dicembre nelle stanze di Palazzo Bisaccioni si inaugurerà la mostra “Strapaesaggi,  incisioni di Morandi, Bartolini e Ciarrocchi”.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi è nota per l’organizzazione di importanti eventi legati all’arte e alla cultura e questa volta non è da meno: 47 incisioni originali dei tre maestri dell’incisione del ‘900, Luigi Bartolini nativo di Cupramontana, il bolognese Giorgio Morandi e Arnoldo Ciarrocchi nato a Civitanova.

“Il titolo della mostra – spiega la curatrice della mostra Nicoletta Rosetti – è ispirato alla corrente artistica letteraria di “Strapaese” e suggerisce la tematica dominante delle opere, il cuore più rurale e vero del paesaggio nazionale”. Le opere non saranno esposte in base all’ordine cronologico, ma pensando ai rapporti di amicizia che hanno avuto i tre maestri, vengono mescolate per avere delle corrispondenze tematiche e formali: vedremo quindi opere con uno stesso soggetto ritratto in modo personale dai tre artisti le une accanto le altre. Le 47 opere sono state messe a disposizione di privati per la fruibilità collettiva, tra di esse vi sono 14 incisioni di Morandi, “La strada di Ancona” e “La campagna marchigiana” di Bartolini.

“La mostra è imponente – commenta il presidente della Fondazione Alfio Bassotti – Una mostra tematica di questo tipo non credo ci sia in giro. È per questo motivo che c’è la voglia di far conoscere iniziative del genere anche fuori Jesi, e quindi molto probabilmente questa mostra non si fermerà a Jesi, ma arriverà anche a Fabriano. Si incomincia a capire che si deve mettere a disposizione di tutti iniziative del genere, e valorizzare un certo tipo di patrimonio il più possibile”.

La mostra sarà aperta tutti i giorni (esclusi Natale e Capodanno) dalle 9.30 alle 13.00, e dalle 15.00 alle 19.30 con ingresso libero.

L’esposizione “Strapaesaggi” fa da cornice a tante altre iniziative proposte dalla Fondazione, tra queste l’apertura di una sala dedicata alle opere dell’architetto Domenico Valeri che dovrebbe rimanere per 5 anni, otto dipinti ovali e sei pale d’altare che saranno esposte nei locali di Piazza Colocci al termine del restauro, e sistemare Palazzo Martini per usufruire dei locali per l’allestimento di mostre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.