La musica barocca a Palazzo Honorati: seconda settimana di appuntamenti per "Jesi Barocca" | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

La musica barocca a Palazzo Honorati: seconda settimana di appuntamenti per “Jesi Barocca”

JESI – Partito giovedì 1 giugno con l’abbraccio entusiasta di un pubblico tanto numeroso quanto motivato e attento, il Festival Jesi Barocca presenta in settimana due appuntamenti di grande rilievo, uno di carattere convegni stico e uno musicale, aprendo con ciò la ricca e nutrita sezione di musica e spettacolo di cui il cartellone si compone accanto a incontri culturali, laboratori, masterclass di alto perfezionamento, conferenze. Con la direzione artistica di Gianni Gualdoni, promosso dalla Fondazione “Alessandro Lanari” in collaborazione con vari partner istituzionali tra cui Comune di Jesi e Regione Marche, il Festival propone infatti un inedito e articolato focus sull’epoca che va dal Barocco all’“Età dei lumi”, in una profonda immersione all’interno di un mondo d’arte e di idee che per molti aspetti è strettamente collegato alla nostra contemporaneità ed è addirittura all’origine di tanti valori che tuttora la caratterizzano.

La seconda settimana di programma, delle sette lungo cui si articola il festival con i suoi 17 eventi, vede in calendario due importanti appuntamenti, uno giovedì 8 giugno con approfondimenti tematici di cultura storica e uno sabato 10 con uno straordinario concerto barocco, entrambi alle ore 21 presso le magnifiche sale del settecentesco Palazzo Honorati Carotti, sede del Festival.

La vita culturale a Jesi nel ‘700” è il titolo dell’incontro con Antonio Ramini, studioso emerito e autore di ricerche originali, già docente di lungo corso di discipline umanistiche nei licei statali,

che senza  infingimenti o intenti agiografici, conduce il racconto della conferenza in un appassionante e lucido viaggio nel contesto culturale cittadino dell’epoca: un’indagine accurata, non senza momenti di stimolante curiosità e perfino risvolti divertenti, per capire le strutture di pensiero che si riverberano nelle dinamiche sociali della Comunità, attraverso la ricognizione dei principali riferimenti in merito a didattica e formazione, vita letteraria e sue emergenze locali. Ingresso libero.

Quello di sabato 10, con biglietto d’ingresso di € 12, è invece la serata inaugurale del calendario musicale del Festival, con una serata che è evento raro e assolutamente imperdibile: un omaggio a due dei maggiori musicisti barocchi, Arcangelo Corelli e Antonio Vivaldi, attraverso il genere della sonata per violino e basso continuo, offerta da due interpreti di assoluto rilievo quali Pierluigi Mencaglia al violino e Sauro Argalia al clavicembalo.

Corelli è annoverato tra i più grandi compositori del periodo barocco e riconosciuto centrale nell’evolvere della musica italiana ed europea del ‘700. Fondamentale il suo contributo alla forma della sonata, che porta a livelli di insuperata perfezione formale, imprescindibile per lo sviluppo del linguaggio del violino. Romagnolo con studi a Bologna, la sua attività si svolge a Roma. Membro dell’Accademia d’Arcadia, nel 1700  pubblica 12 Sonate à violino e violone o cimbalo: l’ultima è la celebre “Follia”, in programma nella serata accanto alla n° 7. In apertura di serata, due Sonate esemplari dell’arte del profeta musicale di Venezia, Vivaldi: le n° 8 e 11, dalle 12 sonate per violino e basso continuo Op. 2, composte nel 1709.

Il concerto costituisce il primo dei due capitoli che il Festival riserva alla sonata per violino, in un prezioso viaggio nel mondo dell’importante genere strumentale: il secondo è fissato per il 24 giugno, con opere a firma di Nicola Porpora, mettendo pertanto a confronto il suo stile compositivo di scuola napoletana con quelli di scuola veneziana di Vivaldi e di scuola bolognese e romana di Corelli.

Info: 0731-4684.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.