La Protezione civile dell'Unione si aggiorna | | Password Magazine

La Protezione civile dell’Unione si aggiorna

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Quaranta volontari della Protezione civile dell’Unione dei Comuni della Media Vallesina hanno frequentato, nei giorni scorsi a Moie, nella sede dell’organismo sovracomunale, il corso obbligatorio regionale per la tutela, la sicurezza e la salute, previsto dal Decreto Legislativo n. 81. Fra loro, a seguire il corso per poi cimentarsi e superare brillantemente il test finale, anche l’assessore alla Protezione civile dell’Unione, nonché sindaco di Maiolati Spontini Umberto Domizioli, e il consigliere comunale, sempre di Maiolati Spontini, con delega alla Protezione civile, Stefania Lucidi. Hanno partecipato all’incontro anche Graziella Lenti, dell’associazione nazionale Carabinieri volontari, il coordinatore del gruppo di Protezione civile di Maiolati Spontini Marco Conti e quello dell’Unione della Media Vallesina Lorenzo Mazzieri. Da quest’ultimo dipendono gli otto responsabili dei Comuni dell’Unione e, complessivamente, ben 130 volontari. Il corso ha coinvolto domenica scorsa il gruppo di Maiolati Spontini ma sta interessando tutti quelli degli otto Comuni (Maiolati Spontini, Castelplanio, Montecarotto, Castelbellino, Monte Roberto, Poggio San Marcello, Rosora e San Paolo di Jesi), con l’obiettivo di formare tutti i volontari in forza alla Protezione civile dell’Unione.

Quello sulla sicurezza è uno dei tanti corsi di aggiornamento che vede impegnati i volontari. La Protezione civile dell’Unione vanta oltre settanta volontari formati per il soccorso idrogeologico e per l’utilizzo delle motopompe a svuotamento. Qualifica che ha consentito loro di intervenire durante l’alluvione di Senigallia, per tutta la durata dell’emergenza. Entro novembre partirà un corso per la specializzazione nell’utilizzo delle motoseghe. Ma fra i volontari dell’Unione ci sono anche diciotto persone già formate per la ricerca di persone scomparse, e proprio in questi giorni la squadra sta seguendo un corso di aggiornamento presso il centro comunale 6001 di Moie, in collaborazione con la croce Verde di Serra San Quirico e con quella di Cupramontana. Un’altra squadra è formata da volontari che hanno conseguito una patente speciale per i rimorchi pesanti e i carrelli da traino.

E non solo. Una squadra di nove persone è stata appositamente preparata per portare avanti un progetto di prevenzione e sicurezza nelle scuole. Negli istituti comprensivi dei comuni dell’Unione i bambini, dall’infanzia alla secondaria di primo grado, ricevono periodicamente la visita dei volontari della Protezione civile che presentano, calibrati sulle diverse fasce d’età, argomenti legati alla tutela del territorio e forniscono indicazioni pratiche sulle modalità da attuare in ogni tipo di emergenza, dal terremoto all’incendio.

“È un progetto – spiega Lorenzo Mazzieri – che va avanti ormai da sei anni e rappresenta un fiore all’occhiello della Protezione civile dell’Unione. Da quest’anno, inoltre, l’Istituto comprensivo ‘Carlo urbani’ è stato scelto per portare avanti un progetto pilota ministeriale proprio sulla Protezione civile, che ci vede collaborare anche con i formatori della Regione Marche. Al termine di ogni anno scolastico, inoltre, organizziamo una giornata dedicata alla prevenzione e alla sicurezza, che coinvolge centinaia di studenti, ma anche varie forze civili e militari della regione. Quest’anno la manifestazione si terrà a Moie, di fronte al Polo scolastico di via Venezia, a maggio”.

E non basta. “Monitoriamo continuamente il fiume – spiega Mazzieri – e ogni dieci giorni comunichiamo alla Regione Marche i dati, sottolineando eventuali anomalie. Ci prepariamo ad affrontare l’inverno sperando che non vi siano calamità, ma in ogni caso la popolazione della Media Vallesina deve sapere che per ogni evenienza e in ogni momento la Protezione civile c’è, monitora il territorio ed è pronta ad intervenire”. Il responsabile della Protezione civile dell’Unione coglie l’occasione per invitare tutti “ad avvicinarsi e ad iscriversi al gruppo di Protezione civile dell’Unione, il più numeroso delle Marche. Ringrazio per la collaborazione gli otto coordinatori comunali che in questi due anni di mio coordinamento all’Unione mi hanno supportato in tutto e hanno seguito le nostre specializzazioni in modo da far crescere in maniera esponenziale l’intero gruppo dei nostri volontari, ai quali rinnovo il mio grazie. Ringraziamo anche l’Unione dei Comuni e tutti i nostri sponsor che ci sostengono nell’acquisto delle attrezzature e degli equipaggiamenti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.