La Regione Marche “spegne” le ambulanze

JESI – Centinaia di migliaia di euro: questo è il debito accumulato dal 2013 dall’Asur nei confronti delle associazioni  di volontariato che svolgono servizi di trasporto sanitario in ambulanza e di soccorso 118. «Dal comunicato dell’ ANPAS  (Associazione nazionale Pubbliche Assistenze) Sezione Marche,  alla quale aderiscono in tutta la Regione Marche ben 44 associazioni di volontariato, con 7.000 volontari iscritti di cui almeno 3.000 operativi nel soccorso, abbiamo appreso che a causa della mancanza dei regolari rimborsi da parte della ASUR, tra pochi giorni saranno costrette a consegnare le chiavi delle ambulanze ai Sindaci delle proprie città, con gravi conseguenze per i cittadini – si legge in una nota stampa firmata dal coordinamento Laboratorio Sinistra Jesi – Le associazioni, infatti, non saranno più in grado di garantire né il trasporto sanitario, né il servizio di pronto intervento per le emergenze cioè il servizio di 118. La situazione che  si sta profilando nel nostro territorio porterà ad una totale insufficienza dei mezzi e a una totale riduzione dei servizi, chi presterà soccorso ad un infartuato o chi interverrà tempestivamente in un incidente stradale con feriti ?».

Laboratorio Sinistra ritiene che l’episodio rientri nelle politiche dei Governi Nazionali e Regionali che in questi ultimi anni  hanno visto continui tagli alla sanità e ai servizi essenziali alla persona: «Chiediamo a tutte le istituzioni locali e in particolare al sindaco, in quanto responsabile della salute dei cittadini, di intervenire ed insistere sulla dirigenza ASUR e sull’Assessore Regionale affinché venga scongiurato il blocco dei servizi di pronto intervento e di trasporto,  impegnandosi a  saldare immediatamente i debiti maturati nei confronti delle associazioni che solo cosi potranno  continuare ad offrire un servizio fondamentale per la vita e la salute dei cittadini».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*