"La scommessa dell'industria 4.0", l'assessora Manuela Bora ospite del Rotary Club di Jesi | | Password Magazine
Lulù  

“La scommessa dell’industria 4.0”, l’assessora Manuela Bora ospite del Rotary Club di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’assessora regionale Manuela Bora ospite del Rotary club di Jesi per parlare a una folta platea di industriali, commercialisti, imprenditori e professionisti, di “Industria 4.0, nuove scommesse per l’Europa”. L’assessora regionale al commercio, internazionalizzazione e politiche comunitarie è stata ospite, ieri sera, del Rotary Club presieduto da Giorgio Galeazzi e ha approfittato per fare il punto sulle chance offerte dalla Regione Marche per le aziende del territorio. Tra gli ospiti della serata, svoltasi nella sede del Club all’Esagono della Ubi-Bpa, oltre ai soci numerosi anche figure appartenenti al mondo imprenditoriale ed associazioni ad esso collegate: Enrico Loccioni, Roberta Fileni, Sandro Paradisi, Emiliano Baldi, Luca Gastreghini, il presidente provinciale Confindustria Ancona Claudio Schiavoni, Daniele Crognaletti e il candidato sindaco Osvaldo Pirani. Non sono volute mancare la presidente Rotaract Giada Giovagnoli con la vice Benedetta Rosini.

Esiste una “via marchigiana” di approccio alla quarta rivoluzione industriale, che tenga conto del nostro modo di fare impresa, delle caratteristiche del tessuto industriale locale?

“Essere imprenditori oggi è un gesto eroico – dice subito l’assessora Bora – perchè significa affrontare molte difficoltà. Io che sono l’assessora della Vallesina e lo dico sempre con orgoglio, mi sento addosso una grande responsabilità perché la Vallesina è stata cuore pulsante dell’economia di questo territorio. Il mio obiettivo è che entro il 2020 le Marche possano ritornare a essere un territorio dove regna il benessere economico come prima. La Giunta regionale, considerando la situazione attuale del mondo dell’industria, ha dovuto rimettere in discussione i capisaldi che sono l’innovazione, l’internazionalizzazione e il credito, puntando su riforme efficaci a dare nuovo slancio alle imprese, come le riforme dei Confidi e l’industria 4.0, quella tendenza dell’automazione industriale che integra alcune nuove tecnologie produttive per migliorare le condizioni di lavoro e aumentare la produttività e la qualità degli impianti. Le Marche, regione più artigiana d’Italia fatta di piccole e medie imprese, deve guardare in particolare a questo cambio di passo come una sfida culturale da vincere attraverso la cultura e il costante aggiornamento. Molte aziende non hanno né un sito interner né una piattaforma e-commerce. Ma il 4.0 rappresenta un’opportunità unica per le nostre imprese per fare il salto di qualità, se non si produrrà innovazione – conclude – si bruceranno anche molti posti di lavoro. Per questo la Regione sta lavorando sulla semplificazione dei bandi per accedere ai fondi europei e sugli incentivi per i finanziamenti ai progetti”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.