La scuola “Savoia” diventa “Paolo Borsellino”: avviata procedura per cambio del nome

Istituto "Lorenzo Lotto" dove ha sede anche la scuola "Duca Amedeo di Savoia"

JESI – La scuola Primaria di Secondo Grado Savoia di Jesi potrebbe cambiare nome ed essere intitolata a Paolo Borsellino. La proposta è arrivata dal Consiglio dell’Istituto scolastico “Lorenzo Lotto” che ha chiesto al Comune di Jesi un parere in merito.

Tra le motivazioni sottese alla richiesta di nuova intitolazione il fatto che “il giudice Paolo Borsellino rappresenti la testimonianza viva e umanissima” da infondere negli studenti, verso cui si ha “una responsabilità educativa”, si legge nella deliberazione dell’Istituto. E poi, “per il suo altissimo e incondizionato senso dello Stato”, “per la fedeltà al suo lavoro svolto fino alla fine”, “per l’amore e la passione che aveva imparato a nutrire per la sua terra”, “per la straordinaria umanità che trasuda ancor oggi in chi lo ha conosciuto”, “per la fiducia estrema nei giovani”.

Tutto in linea, insomma, con i principi che, già nel 2003, avevano convinto il Comune di Jesi ad intitolare nella zona ex Smia alcune vie alle vittime di mafia e racket, tra cui anche al suddetto giudice.

Tuttavia, esiste un ostacolo procedurale al cambio di intitolazione: nonostante il parere favorevole espresso dalla Giunta, con apposita delibera, la decisione finale spetterà all’Ufficio scolastico regionale per le Marche.

Questo  perché la richiesta avanzata dall’Istituto risulterebbe carente dal punto di vista delle motivazioni “per le quali si riterrebbe opportuno modificare l’attuale intitolazione al Duca Amedeo di Savoia”.

Per la Dirigente dell’Istituto la prof.ssa Maria Rita Fiordelmondo, l’intenzione era di agire “senza nulla togliere al valore e all’onore che il duca Amedeo di Savoia aveva saputo conferire alla storia italiana” e  “in piena consapevolezza di quanto la scuola “Savoia” evochi nella storia locale jesina, nel rispetto profondo per il legame affettivo delle innumerevoli generazioni che ivi si sono formate (…)”: eppure tale “premessa” non sembra essere esaustiva rispetto alle esigenze motivazionali richieste dalla Circolare Ministeriale in quanto ritenuta non in grado di evidenziare le “particolari circostanze sopravvenute atte a giustificare il mutamento della denominazione”.

Valutato, pertanto, che a fronte della proposta dell’Istituto Comprensivo può essere espresso parere favorevole in ordine alla individuazione del nuovo nome (Paolo Borsellino), rilevandosi tuttavia una carenza procedurale in merito all’esplicitazione delle particolari circostanze sopravvenute, la Giunta comunale con delibera ha  trasmesso copia del provvedimento all’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*