La sensualità di Carmen conquista le Muse: teatro gremito e pubblico in visibilio | Password Magazine
Festival Pergolesi

La sensualità di Carmen conquista le Muse: teatro gremito e pubblico in visibilio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Applausi ed ovazioni unanimi per la Carmen di Bizet, primo spettacolo in cartellone per “Opera Ancona Jesi“, diretta da Francesco Saponaro e che vede il debutto della giovane Martina Belli nel ruolo della gitana più famosa della storia della musica. Sul palcoscenico scenografie minimal, in pieno stile cinematografico, che, attraverso la loro semplicità disarmante, rievocano gli anni tumultuosi della guerra civile spagnola, approdando sino alla contemporaneità e mettendone in evidenza dissapori e conflitti.

Il personaggio della Belli tiene testa a quello della collega Francesca Sassu, interprete di Micaela, soprano angelicato, con un canto meravigliosamente variegato nel timbro e nel ritmo, con un carisma ed una realtà scenica strabiliante, con i colori scuri ed ombrosi di una Carmen conscia del suo mortifero destino che, nei primi due atti, stupisce anche per morbidezza ed espressività perversa ed accattivante. Martina Belli non è stata solo capace di attuare un meccanismo di grande teatralità e lodevole bravura artistica, ma è riuscita a far cadere il pubblico stesso in una rete di vera e propria seduzione musicale, trascinando l’uditorio in quella che non è altro che la sua filosofia libertaria d’amore, la quale culmina nell’ardita enunciazione dell’Habanera, in un canto sensuale ed erotico. Applauditissimo il personaggio di Micaela, che, con il suo spessore lirico ricco di dolcezza, è lo specchio perfetto della scandalosa Carmen. Non passano inosservati i personaggi di Frasquita e Mercédès, interpretate dalle giovanissime e bravissime Gloria Giurgola e Cristina Alunno. Meno convincenti degli altri gli interpreti di Don José, giovane soldato innamoratosi di Carmen, interpretato da Francesco Pio Galasso, e di Escamillo, toreador e rivale in amore di José. Magnifici sono stati invece i costumi di Chiara Aversano, coronamento di quella che è stata una Carmen sensazionale sin dal primo atto. Lodevole l’orchestra dal Maestro Guillaume Tourniaire, che ha dato prova di strabiliante ed irrefrenabile vitalità musicale, il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”, e il Coro Piccoli Cantori / Ass.ne Kairos Eventi Ancona.
Il prossimo appuntamento di “Opera Ancona Jesi” è con “Il Barbiere di Siviglia” venerdì 13 e domenica 15 Ottobre.

A cura di Gabriele Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.