La storia di Giuseppe Quagliano, liutaio per destino e per passione | Password Magazine
Festival Pergolesi

La storia di Giuseppe Quagliano, liutaio per destino e per passione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Per “artigiani al lavoro dal vivo”, giovedì 20 luglio, alle ore 19 a Palazzetto Baviera di Senigallia, nell’ambito dell’esposizione/mercato di Cna “Il Rumore dell’Arte”, si esibirà il maestro liutaio Giuseppe Quagliano, accompagnato dal trio d’archi “Trio Lennon”, in “come nasce un violino”.

Cna lo ha chiesto direttamente al maestro, che ha la sua amata bottega a Jesi: “Parte dalla scelta del legno in segheria – racconta Quagliano – e dal progetto su modello, poi viene scolpito, assemblato, verniciato…è una scultura vera e propria. Una volta finito, arriva l’ultimo momento, quello della prova del suono e verifichi se è come te l’eri immaginato mentre nasceva tra le tue mani. Ogni fase è emozionante”.

E’ un uomo che ama il suo mestiere, Quagliano, un mestiere arrivato per una passione scritta su un foglio chiamato destino.

“Sono lucano, di Potenza – racconta – e frequentavo l’università a Firenze. Ogni giorno, andando da casa alla mensa universitaria, passavo davanti ad una bottega di liutai. Li guardavo, li ammiravo e pian piano mi sono innamorato praticamente di tutto quel che vedevo. Di questo mestiere amo la materia, che è viva, i gesti, le forme, il rapporto con i musicisti e gli studenti, il microcrosmo che si crea nella bottega. Ecco, io amo proprio la bottega”.

A Jesi Quagliano è arrivato con il servizio civile e anche di Jesi si è innamorato, tanto che scelse di frequentare la scuola per liutai più vicina che era a Gubbio, fece un anno di specializzazione in Inghilterra, e poi proprio a Jesi aprì bottega, ormai 30 anni fa, entrando anche nel mondo della Cna.

“Il mestiere del liutaio – dice la Cna – non conosce crisi perché è di nicchia. Sono pochi i maestri liutai e sono necessari a musicisti e studenti soprattutto perché il prodotto artigianale, contrariamente a quello industriale, non segue uno standard, ma si modella alla richiesta specifica, adattandosi in corso d’opera, mentre, cioè, viene creato. Qualitativamente poi, l’entrata in scena di nuovi mezzi ha contribuito alla crescita dello standard qualitativo del prodotto di questo settore”.

Antonio Quagliano ha partecipato negli anni a molte fiere ed eventi internazionali.

“Creo una macchina che trasmette emozioni – dice – e cerco di tramandare il mio sapere ai giovani curiosi e interessati, che non mancano mai”.

Giovedì 20, alle ore 19, grazie all’iniziativa della Cna, con Regione Marche e Comune di Senigallia, per chiunque sarà possibile ammirare come dalle sue mani nasce un violino.

L’ingresso è gratuito.

Orario di apertura de Il Rumore dell’Arte dal mercoledì alla domenica dalle 17 alle 23 fino al 30 agosto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.