La Storia di Mohamad | | Password Magazine
Festival Pergolesi

La Storia di Mohamad

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA  – Mohamad ha solo 13 anni e già deve combattere per vivere. E’ palestinese, in fuga da un Paese martoriato dalla guerra e dall’odio. Ma in fuga anche da un male che gli attanaglia il cuore fin dalla nascita. E’ affetto da Tetralogia di Fallot (detta anche “sindrome del bambino blu”), una rara malformazione cardiaca congenita che si sviluppa poiché, già in fase embriologica, la parte superiore e quella inferiore del cuore non combaciano. La combinazione di quattro difetti cardiaci – caratteristica anatomica di questa cardiopatia – influenza la struttura del cuore, causa un ridotto afflusso di sangue dal cuore e nel resto del corpo, così che neonati e bambini affetti da questa Tetralogia di Fallot di solito sono cianotici. Hanno la pelle bluastra poiché il loro sangue non trasporta abbastanza ossigeno. E necessitano di interventi chirurgici correttivi, poiché senza un trattamento mirato i piccoli affetti da questa malformazione non possono crescere correttamente e con la prima età adulta possono incorrere nello sviluppo di complicanze così gravi da determinare invalidità o addirittura la morte. Mohamad rischiava questo se non fosse stato operato in tempo.

Il piccolo, arrivato in Italia dalla Palestina grazie all’intervento della Regione Lazio, si è già sottoposto a due interventi chirurgici: il primo, correttivo, quando aveva appena 12 mesi; il secondo per la dilatazione del ramo polmonare, quando di anni ne aveva 3. Sta combattendo il piccolo Mohamad, combatte per vivere. E ha dovuto sostenere un terzo intervento, quello definitivo, che gli permetterà di avere una vita del tutto normale.

La sua storia, toccante, è stata segnalata dal network ‘Guariamoli’, che raccoglie i casi di bambini di tutto il mondo affetti da patologie gravi. Attraverso una rete di associazioni benefiche, ‘Guariamoli’ smista le richieste e in base alle disponibilità degli ospedali e dei medici, cerca di creare una rete di solidarietà per questi bambini. Mohamad è stato finora aiutato dall’Associazione ‘Kim onlus’ di Roma, la quale si è detta disponibile a trasferire il piccolo ad Ancona. Il trasferimento è avvenuto martedì scorso, Mohamad è stato accompagnato dalle responsabili dei Gruppi di Volontariato Vincenziano. E’ stato poi preso in carico dall’Associazione ‘Un Battito di Ali onlus’ di Jesi (An) e dall’Associazione Patronesse dell’ospedale Pediatrico Salesi, le quali stanno promuovendo un’iniziativa di solidarietà per salvare il cuore di Mohamad e raccogliere fondi per finanziare le spese ospedaliere e post-intervento necessarie al bambino.

L’operazione, effettuata nell’ospedale regionale di Torrette di Ancona, è stata condotta con esito positivo dall’equipe cardiochirurgica del dottor Marco Pozzi, Direttore dell’Unità operativa Cardiologia e Cardiochirurgia Infantile e congenita dell’Ospedale di Torrette e luminare mondiale della Cardiochirurgia pediatrica. Il dottor Pozzi e il suo staff medico si sono messi totalmente a disposizione della causa, sostenendo l’intervento gratuitamente pur avendo questo dei costi legati al ricovero, allo stesso intervento chirurgico, all’assistenza del piccolo degente e all’ospitalità. Complessivamente sono stati impiegati oltre 21mila euro.

“Ci siamo attivate per aiutare questo bambino e restituirgli una vita, un’adolescenza normale come tutti i suoi coetanei – dicono le presidenti delle due associazioni – ma per farlo abbiamo avuto bisogno di un sostegno immediato”.

La Regione Marche, nonostante preveda nei suoi bilanci una somma indicata per coprire le spese mediche di persone non comunitarie, non è intervenuta. Una questione di freddi ‘cavilli burocratici’ che delude, ma non spegne l’entusiasmo di chi crede in questa missione benefica. La onlus ‘Un Battito di Ali’ e l’Associazione Patronesse del Salesi, hanno finanziato con le proprie risorse le spese ospedaliere sostenute.

Si ringrazia vivamente l’associazione Kim Onlus, i Gruppi di Volontariato Vincenziano e il Rotary Club di Jesi per il sostegno concreto e la vicinanza umana oltre che l’Associazione Spai.

E’ possibile partecipare all’iniziativa benefica versando un contributo, anche minimo, tramite bonifico bancario intestato a:

“Un Battito di Ali onlus” – Iban: IT32G0530821296000000003218 indicando nella causale “salviamo il cuore di Mohamad”;

“Associazione Patronesse del Salesi” – Iban IT17G0200802619000102099102

 

 

 

Comunicato da: Ufficio stampa “Un battito di Ali onlus’ e “Associazione Patronesse”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.