La Storia di Sasha riparte da Castelplanio | Password Magazine
Festival Pergolesi

La Storia di Sasha riparte da Castelplanio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELPLANIO – Appuntamento con valenza culturale e solidale quello in programma venerdì prossimo (4 settembre) nella sala teatro “Luciano Pittori” di Castelplanio. A partire dalle ore 21.15, andrà infatti in scena la rappresentazione teatrale “La Storia di Sashsa” con il reading dell’attore Antonio Lucarini e le musiche del maestro Giovanni Brecciaroli. 

“La storia di Sasha” è la trasposizione teatrale di un racconto contenuto nel romanzo “Sangue di rosa scarlatta” di Vittorio Graziosi. L’autore ha utilizzato proprio questo testo per attivare iniziative solidali, nella logica che l’arte possa servire ai buoni propositi oltre che ad emozionare. 

Sasha, cioè Alexander, è un ragazzo di vent’anni, ucraino, ucciso dalla leucemia, probabilmente contratta per essere vissuto nelle regioni dove l’estrazione di uranio è maggiore. L’incasso delle prime tre presentazioni del romanzo “Sangue di rosa scarlatta” gli aveva consentito di effettuare viaggi a Monaco di Baviera in ospedali specialistici senza purtroppo fortuna. Alexander non ha mai saputo chi ha pagato quei viaggi. Ma un po’ per essere entrato nel progetto solidale e un po’ per aver dimostrato determinazione, la sua storia meritava di essere raccontata e Vittorio Graziosi ne ha fatto un reading teatrale con voce e musica, che si presenta al pubblico con la lettura recitata di Antonio Lucarini e la chitarra e la voce del maestro Giovanni Brecciaroli. 

L’evento è organizzato da Read and Play (www.readandplay.it), con il patrocinio del Comune di Castelplanio e fa parte di una serie di appuntamenti itineranti in cui letteratura e musica si fondono insieme. Obiettivo primo di Read and Play è infatti lo studio delle connessioni esistenti tra letteratura e musica e la promozione della lettura attraverso la sua musicalità.

L’ingresso è gratuito e si svolgerà nel rispetto delle normative attuali anti-covid. Munirsi di mascherina. È richiesta la prenotazione al numero 340 507 9667.                                                                                                                                                 

Già in passato infatti lo spettacolo ha contribuito, attraverso i suoi incassi, al restauro di opere d’arte e a donazioni varie, tra cui l’acquisto di televisori per il reparto Cardiologia dell’ospedale Urbani di Jesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.