La storica gelateria di Ciro&Pio tra le tipicità jesine da visitare

Il titolare della Gelateria jesina Ciro e Pio, sig. Giuliano Porcarelli, e Madame Aurore Soulié, docente del Liceo Gay Lussac di Limoges.

JESI – Dal 1 al 6 marzo 21 alunni del LiceoGay Lussac” di Limoges, che studiano italiano, sono stati ospiti delle famiglie degli alunni della classe 2°D Linguistico del Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” di Jesi, mentre i tre insegnanti francesi accompagnatori hanno soggiornato dai colleghi italiani di lingua e conversazione francese, le professoresse Giuliana Giuliani e Joëlle Di Paolo.

Gli studenti francesi  hanno conosciuto  all’arrivo “La città regia di Federico II”  in una veste davvero insolita, per il paesaggio  imbiancato dalla copiosa neve caduta e sono stati accolti nel Parco antistante il Liceo, data la chiusura anche il 1 marzo delle scuole jesine per le particolari condizioni meteo.

Il giorno seguente non sono riusciti a raggiungere con l’autobus Ravenna, per la chiusura temporanea dell’autostrada al casello di Cattolica e hanno sostituito la visita prevista con quella delle città di Pesaro e Gradara.

Nella settimana di permanenza hanno potuto apprezzare altre bellezze storico-artistiche del territorio, con visite guidate ad Ancona, ad Assisi e alla stessa Jesi, ammirando la Pinacoteca Civica Comunale Pianetti e il Teatro Pergolesi, con il caloroso saluto delle autorità locali.

Alla fine del soggiorno hanno  approfondito attività tipiche del territorio, osservando,  alla Gelateria storica di Jesi Ciro e Pio, dulcis in fundo, le fasi di lavorazione del gelato, spiegate loro dal titolare Giuliano Porcarelli, imparando a scrivere su delle torte e preparando da soli le coppe di gelato appositamente preparato e offerto.

L’ospitalità degli studenti e delle famiglie jesini sarà a sua volta ricambiata a Limoges dal 20 al 27 marzo.

Anche in questo gemellaggio con il Liceo “Gay Lussac”, giunto già al terzo anno, non sono mancati intensi momenti di cordialità e di amicizia sincera, di confronto e di scambio linguistico, in aggiunta alla sorpresa iniziale della neve.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*