La strage silenziosa, un giallo che parla di noi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

La strage silenziosa, un giallo che parla di noi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Omicidi brutali, un detective che indaga e una società dove una specie sovrasta le altre. Ovviamente il colpevole è il diverso: rom, nero, squilibrato. “Strage silenziosa” è l’ultimo libro di Sergio Sinigaglia (ed.Italic Pequod) che l’attivissima libreria indipendente Sabot al Tnt di Jesi presenterà domani sera alle 21 nei locali del centro sociale alla presenza dello stesso autore e di Andrea Dignani, ecologista, già presidente WWF Marche. Torniamo  alla storia: in una tranquilla località di provincia improvvisamente si verificano quattro omicidi nello spazio di circa dieci mesi. Le vittime apparentemente non hanno legami fra loro. Si scatenano dinamiche sociali violente e razziste: un campo rom viene dato alle fiamme, ogni “diverso” viene visto come un potenziale colpevole. Il commissario Toni Biondi, un poliziotto molto “antipoliziotto” indaga e quando sembra essere arrivato ad un vicolo cieco riuscirà a dipanare la matassa. La vicenda avrà inaspettatamente una sterzata e il movente delle uccisioni emergerà a fatica nella mente del commissario: assurdo, surreale, fuori dalla logica umana, umana. Sergio Sinigaglia (Ancona 1954), ha lavorato come libraio presso la Clua e successivamente come giornalista in una società di comunicazione. Ha pubblicato Di lunga durata (affinità elettive 2002), Fuori Linea (affinità elettive 2005), La piuma e la montagna (manifesto libri 2008, con Francesco Barilli), Altremarche (affinità elettive 2010), Il diario ritrovato (Italic Pequod 2014).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.