Astralmusic

La tombola fa il pieno, ecco i numeri di San Settimio

Astralmusic

JESI – Il pubblico delle grandi occasioni ha gremito Piazza della Repubblica ieri sera per l’evento più amato dagli jesini. La Tombola di San Settimio, patrono della città, organizzata come ogni anno dall’Avis di Jesi, ha visto migliaia di persone con il naso all’insù per l’estrazione dei numeri dalla balconata del Teatro Pergolesi. 7873 le cartelle vendute, una sola in meno rispetto allo scorso anno. La jesina Marina Triccoli, impiegata del Cup, e lo jesino Tommaso Nicolini, impiegato a Fabriano, si sono divisi il primo premio per un totale di 1.500 euro ciascuno (rispettivamente i numeri vincenti 40-27-51-69-84 e 18-35-69-9-7). Diviso anche il secondo premio: 1000 euro per  Marta Giovagnini, impiegata da Simonetta che ha ricevuto i numeri vincenti dalle colleghe di lavoro (21-69-5-29-71) e altrettanti per Marisa Carabot di Latina che tre anni fa aveva vinto il primo premio (7-27-29-5-11). Tre vincitori per il terzo premio, si sono portati a casa 333 euro ciascuno: Roberta Bruni, operaia di Senigallia (18-69-13-5-9), Nadia Bassotti pensionata jesina ma anconetana di adozione (7-13-53-51-5) e Giordano Paris impiegato jesino (11-13-18-21-7). Per l’occasione l’Ente Palio ha donato un assegno di 500 euro, parte del ricavato della lotteria andata in scena durante l’ultimo Palio di San Floriano, al progetto Mani di Fata della Caritas: “Questo contributo ci permette di portare avanti la nostra attività di sartoria femminile” il commento entusiasta della coordinatrice Caterina Solustri. Un ringraziamento speciale da parte dell’Avis, con il presidente Bruno Dottori, ai tanti aspiranti donatori che in occasione del sisma del 24 agosto scorso si sono recati al Centro Trasfusionale per aiutare le popolazioni più colpite. Ai vincitori è andato inoltre l’abbonamento 2016/2017 per l’Aurora Basket consegnato dal capitano Marco Maganza e dai giocatori Dwayne Davis, Tim Bowers e Giga Janelidze, mentre la Victoria Company ha regalato corsi di inglese.

E da oggi via alla carica delle 600 bancarelle: tre giorni immersi nella storia e nella tradizione jesina con prodotti e oggetti per tutti i gusti e per tutte le esigenze, arti e mestieri, spettacoli e attrazioni, nell’allegro vociare di venditori ambulanti e pubblico rendono Jesi e le Fiere di San Settimio uniche e irripetibili.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*