La Torre di Guardia di Jesi, viaggio nella storia con le foto di "Filottrano44" | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

La Torre di Guardia di Jesi, viaggio nella storia con le foto di “Filottrano44”

FILOTTRANO – L’associazione Storico-Culturale “Filottrano44“, si occupa di ricostruire la seconda guerra mondiale in Italia, in particolar modo nella nostra regione. Su iniziativa per sensibilizzare la terza edizione della battaglia che avrà luogo il 30 giugno e il 1 luglio, l’associazione ha deciso di ricostruire, attraverso un racconto fotografico, la demolizione della Torre di Jesi ad opera delle truppe tedesche della 71esima divisione di fanteria.

Oggigiorno, molti passano per la strada che va da Filottrano a Jesi e, raggiungendo la curva sul colle di 316 metri dicono: “Sto sulla Torre”. I più giovani sicuramente non conosceranno il motivo di questo appellativo

Nel giorno 8 di luglio 1944, mentre a Filottrano infuriavano i combattimenti, il comando tedesco decide, in previsione di una ritirata di distruggere l’antica Torre di guardia situata sul colle che precede la vallata del fiume Esino e la città di Jesi. La torre, era un avamposto medievale segnato nelle planimetrie dell’esercito italiano come luogo d’osservazione ed esercitazione militare cartografica. I tedeschi, consci dell’importanza del loco, decidono di distruggere, inutilmente e arrecando danno al patrimonio storico italiano, l’antica costruzione per esigenze militari.

Chiamata anticamente Torre di Montereturri e anche, ma in epoca meno remota, più semplicemente Guardia di Jesi, lo storico avamposto venne costruito nel 1350 sul punto più elevato della collina tra la valle dell’Esino e quella del Musone, a quota 316 metri sul livello del mare. A sezione quadrata, massiccia, severa, misurava nove metri su ogni lato, con base più larga, a tronco di piramide, ed era alta 46 metri e mezzo. Alla base della costruzione c’era un ampio locale, sopra il quale si innalzavano i tre piani della torre.
In alto,  era “incorniciata di merli e sormontata da un cucuzzolo vuoto dal quale si usciva sul ballatoio, che aveva parecchi piombatoi” (da: Luconi-Cocola, Conoscere Jesi).

L’album in bianco e nero realizzato per l’evento. Ricostruisce per immagini la demolizione della Torre. È possibile sfogliarlo a colori sulla pagina Facebook “La Battaglia di Filottrano

Realizzata per vigilare sulle terre del Contado, la torre era presidiata da una piccola guarnigione comandata da un torriere. La torre fu presidiata dagli Jesini fino al 1650, poi venne abbandonata.

Il racconto fotografico, in bianco e nero, con gli scatti di Marco Sentinelli,  ricostruisce essenzialmente le ultime sei ore di vita della torre cercando di sottolineare l’aspetto tecnico della cosa e la “malinconia” del luogo, tanto caro ai contadini del posto, nell’obiettivo di riportare l’attenzione delle nuove generazioni verso la storia dei luoghi della loro città, diffondere la cultura e la ricostruzione storica per imparare e non ripetere gli errori del domani.

Filottrano44 si occupa di ricostruire non solo gli eventi bellici avvenuti nella città che porta il suo nome ma quelli di tutta la regione, Italia compresa.

In questo set, l’associazione presieduta da Michele Giampieri, ha voluto ricostruire tale avvenimento per rendere omaggio a quella costruzione che per oltre 400 anni aveva sovrastato la valle Esina e fungeva da punto di riferimento per i contadini del posto, che amavano fare scampagnate alle sue pendici e trascorrere piacevoli domeniche pomeriggio.

Le fonti riportano che la torre venne fatta saltare con cariche interne ed esterne posizionate ad intervalli regolari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.