La Vallesina in sella: il progetto di «Noi Marche Bike Life» che incentiva il cicloturismo | Password Magazine

Festival Pergolesi

La Vallesina in sella: il progetto di «Noi Marche Bike Life» che incentiva il cicloturismo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Viaggiare in bicicletta per conoscere il territorio e favorire il turismo lento ed ecosostenibile. È questo uno degli obiettivi del progetto “Noi Marche Bike Life” di Loredana Miconi e Mauro Fumagalli, finanziato dalla Regione Marche e presentato oggi dall’assessora all’Ambiente Cinzia Napolitano e dall’assessore al Turismo e Sport Ugo Coltorti.

«Un progetto in linea con la Ciclovia dell’Esino – spiega l’assessora -. Abbiamo investito per ultimare la parte di proprietà dell’interporto e, ad oggi, abbiamo connesso il Comune di Jesi con quello di Chiaravalle. Un’opportunità per proseguire un precedente progetto già iniziato nel 2015».

Come ha ricordato l’assessore Ugo Coltorti, negli anni il cicloturismo sta ottenendo sempre maggiore seguito: «Anche la pandemia è stata in parte un facilitatore per l’utilizzo della bicicletta, incrementando l’uso di mezzi diversi. Lavorando efficacemente sul territorio siamo riusciti a mettere insieme ben 28 comuni marchigiani».

Al progetto ha collaborato anche Confartigianato, presente alla conferenza insieme al responsabile Marco Arlia e all’imprenditrice Cristina Brunori, titolare dell’omonima azienda vinicola.

Arlia, in particolare, ha sottolineato come si tratti un’iniziativa «nel posto giusto e nel momento giusto» date le riconosciute bellezze della Regione Marche. Un progetto che esalta «un turismo capace di far apprezzare il territorio, il cibo e la cultura – aggiunge la Brunori – elementi correlati tra loro, sia per Jesi che per i comuni limitrofi».

Gli itinerari cicloturistici sono esposti nel sito noimarche.it, che ospita al momento quattro possibili percorsi tra Jesi e Monsano, rivolti a target differenziati: mountain bike, turismo enogastronomico e risorse artistico-culturali e paesaggistiche, coinvolgendo anche la Riserva Naturale di Ripa Bianca.

«Come hanno già fatto altre regioni in Italia, la nostra idea è quella di dar vita ad un prodotto che non proponga solo itinerari, ma che li metta anche in rete con i servizi locali affiliati quali strutture ricettive, ristoranti, bar, hotel, negozi di articoli sportivi e specializzati per i biker, punti informativi del Comune, officina mobile e centri assistenza» ha specificato Mauro Fumagalli di Bike Life. «Mi piace definirla una ‘destinazione cicloturistica’, all’interno di un percorso permanente ad anello che comprende ben 480 comuni».

Come ha ricordato Loredana Miconi illustrando il sito, per ogni percorso verrà realizzata una brochure contenente tutte le informazioni. Gli itinerari saranno inoltre scaricabili anche attraverso QR Code: «Sulla cartina cartacea o digitale si trovano l’itinerario generale di 480 km, più quelli parziali. Per ogni percorso c’è una scheda tecnica con la descrizione bilingue in italiano ed inglese».

Anche la Fondazione Michele Scarponi ha sposato la causa di Noi Marche Bike Life, dedicandosi ad una specifica sezione a tutela della sicurezza sulla strada. Il progetto concorre inoltre all’Oscar del Cicloturismo, che verrà aggiudicato il prossimo 19 giugno.

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.