Scarpette rosse in centro per una tre giorni contro la violenza di genere

JESI – “La violenza contro le donne è una sconfitta per tutte”, questo il titolo dato alla tre giorni organizzata dalle associazioni al femminile in sinergia con il Comune di Jesi che partirà venerdì.

Titolo accattivante che spiega in poche parole lo scopo degli eventi e quale messaggio si vuole lanciare in maniera forte e chiara, “ogni due giorni una donna muore per violenza – commenta la presidentessa Fidapa sezione Jesi Francesca Pentericci – questo è un argomento su cui sensibilizzare la comunità. Questa tre giorni è un piccolo grande passo per noi e per la nostra lotta contro la violenza di genere”.  Le associazioni che ne hanno permesso la realizzazione sono Fidapa Jesi; Non Una Di Meno; Spaziostello; la strada di Sergio; Udi – Unione Donne in Italia; il Comitato abitanti centro storico di Jesi; ya basta; la Casa delle Donne di Jesi e il Liceo Artistico di Jesi.  Il Comune ha appoggiato sin da subito l’iniziativa e dato il suo sostegno, “è un messaggio di forte impatto per la cittadinanza – commenta l’assessora alle pari opportunità Marisa Campanelli – reso possibile grazie alla rete tra istituzioni, scuola e associazionismo con l’obiettivo comune di contrastare un fenomeno che sta prendendo dimensioni preoccupanti”.

Venerdì 23 ci sarà l’apertura del punto informazioni alle 16 e fino alle 20 ci sarà la raccolta e la colorazione delle scarpe rosse che sarà replicato sia sabato mattina che domenica mattina, entrambi dalle 10 alle 13. Sabato 24 a partire dalle 16 ci sarà l’installazione della scarpa di cartone ideata e realizzata dal liceo artistico sotto la direzione dei professori Massimo Ippoliti, Giuliana Pallotto e Federica Toppan. La replica della scarpa ha una valenza molto importante e d’impatto, sarà allestita davanti le tre botteghe di Coltorti in Piazza della Repubblica, pronta per essere pitturata di rosso dai passanti più curiosi: “Il progetto ha portato fermento e motivazione tra i ragazzi – commenta entusiasta Massimo Ippoliti – ed è stato importante coinvolgerli perché sono i giovani che devono essere educati ad un sano rapporto tra i due sessi”. A seguire, alle 17:30 presso la “Salara” di Palazzo della Signoria ci sarà un interessante incontro con la direttrice di “Donna Moderna” Annalisa Monfreda che parlerà di come un’educazione basata sui stereotipi crei violenza, discutendo del suo libro “Come se tu non fossi femmina”. E per concludere in bellezza la serata, alle 19 in Piazza della Repubblica si assisterà ad un movimentato flashmob organizzato dalla palestra “Linea Club” di Carla Giacani. Per la giornata di domenica 25, il Comitato abitanti centro storico ha organizzato “La panchina rossa – poesie e parole d’amore… vieni anche tu” a partire dalle 16 nel luogo in cui l’8marzo scorso il Comitato ha donato la panchina rossa simbolo del posto occupato da una donna vittima di femminicidio, nel Piazzale Sansovino (gli “Spiazzi”). “Come comitato abbiamo scritto alle scuole per porre l’attenzione sulla affettività, sull’amore – spiega Emanuela Coltorti del Comitato abitanti centro storico – e quindi abbiamo invitato i studenti e alla cittadinanza a trovare delle parole, dei testi che parlino d’amore. Queste verranno lette un pubblico domenica e chiunque voglia può partecipare mandandoci una email”.

Le associazioni hanno lavorato in sinergia per produrre un calendario ricco e importante, “si è lavorato in squadra per un unico obiettivo, rispettando le idee e le personalità di tutti – commenta Bartolini Emanuela di Nonunadimeno – sfasando anche il falso mito delle donne che non riescono a lavorare insieme, altro stereotipo duro a morire”.

La stessa Emanuela ci ricorda che ad oggi nella Regione Marche sono state 409 le donne che si sono rivolte ai centri antiviolenza di cui 270 prese in carico: più della metà sono italiane e più della metà hanno subito violenze da parte dei loro mariti, fidanzati, conviventi.

E a Jesi la situazione non è per nulla migliore, fino ad oggi le richieste di assistenza alla Casa delle Donne sono stati 41 e purtroppo il numero a fine anno sarà ancora più alto.

1 Commento su Scarpette rosse in centro per una tre giorni contro la violenza di genere

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*