«La vita è un lampo, siamo tutti umanamente interconnessi» | Password Magazine
Festival Pergolesi

«La vita è un lampo, siamo tutti umanamente interconnessi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Giovanni Perticaroli

MOIE – C’è un attimo in cui tutto cambia. Succede all’improvviso: la vita dà uno scossone e tutto diventa incerto. Le decisioni che si prendono hanno conseguenze sugli altri. Nel bene o nel male. É quanto accaduto a Giovanni Perticaroli, 37 anni, di Moie, figura di spicco nella comunità per l’impegno nella politica e nello sport. É lui l’istruttore di nuoto che, martedì scorso, ha soccorso senza esitare il 45enne colto da infarto nell’impianto da tennis vicino alla piscina intercomunale PalaBlu. Un intervento provvidenziale che ha salvato una vita. Solo a ripensare a quei momenti, Giovanni si emoziona: «Finché non ho avuto notizie di una sua ripresa, non ho dormito per notti, cercando di ripercorrere con la mente tutto l’accaduto. Ripensavo alla procedura, mi chiedevo se l’avessi praticata correttamente…». Ed è andata così: le condizioni dell’uomo infatti sono successivamente migliorate.

Allenatore nel settore agonistico, Perticaroli quella sera aveva appena terminato le sue lezioni. Si trovava negli spogliatoi e non immaginava che, di lì a poco, i colleghi del tennis si sarebbero rivolti a lui per un’emergenza: «Numerosi corsi di formazione mi avevano preparato adeguatamente all’utilizzo del defibrillatore – racconta l’istruttore -. Quando mi hanno chiesto di intervenire,  non ci ho pensato due volte e sono uscito con l’apparecchio in mano, correndo nel vicino impianto dove ho trovato l’uomo a terra. Appena arrivato, ho capito subito dalle condizioni che era grave e ho chiamato il 118. Nel frattempo ho eseguito tutte le manovre apprese nelle simulazioni: prima scarica e poi giri di compressione, poi una seconda scarica e altri giri di compressione…». Pochissimi minuti ma decisivi che hanno permesso di tenere in vita il 45enne fino all’arrivo dei sanitari: «Mentre massaggiavo, gli ripetevo di tenere duro, che ce l’avrebbe fatta». Concentratissimo, l’istruttore ha pensato solo a rianimare finché non sono arrivati i medici e l’ambulanza per il trasporto in ospedale. Da questa esperienza, Perticaroli vuole lanciare un messaggio: «L’episodio rende ancor più evidente quanto sia importante avere un defibrillatore a disposizione, sopratutto negli ambienti pubblici, e una formazione adeguata». La vicenda, a lieto fine, si contrappone al drammatico investimento di venerdì sera a Maiolati dove un cittadino di 52 anni è stato falciato da un’auto pirata: «Due episodi che dovrebbero farci riflettere – conclude -, entrambi mostrano come tutti siamo umanamente interconnessi. La vita è un lampo e ogni giorno è affidata alle mani degli altri, nel bene o nel male».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.