L’abito delle feste? La poesia della moda coniugata al quotidiano

E-TENDENZE a cura di Elisabetta Landi
JESI – Acquisti sotto le feste? Questione di occasioni d’uso e di stile, la poesia della moda coniugata al quotidiano. E- tendenze incontra Alessandra Sassaroli, la buyer di St Michel, una delle più rinomate boutique d’abbigliamento e accessori di fascia medio- alta multibrands, della provincia, che vanta 43 anni di attività.
A “bottega” fin dal 1995, Alessandra ha raccolto l’eredità familiare di Bruno e Angela, diventando oggi la principale responsabile degli acquisti uomo e donna, la curatrice degli allestimenti interni, del visual delle vetrine delle due boutique e un punto di riferimento come consulente di stile per i suoi numerosi clienti.
 Uscita dall’ufficio, ci accoglie nella boutique donna di Corso Matteotti.
Alessandra è arrivato il Natale, come lo vivi?
“Beh tutte le mie collaboratrici e collaboratori sanno che c’è una tradizione: tornata dalle ferie estive a fine agosto, puntuale la prima cosa che chiedo loro è “Che vetrina faremo a Natale?”.
Per me questo pensiero è di buon auspicio per affrontare la stagione e dà la misura di quanto ci tenga a quella vetrina in particolare, che racconta una storia diversa ogni anno e testimonia il lavoro di squadra all’interno della nostra azienda”.
Sì, sono sempre molto belle le vostre vetrine natalizie e si fanno notare. Chi se ne occupa?
 “Chi ci conosce poco pensa che commissioniamo i lavori a fioristi, artigiani, designer, in realtà da sempre le vetrine sono interamente ideate, curate e realizzate a mano da me con l’aiuto un po’ di tutto lo staff St Michel.
Qualche stagione fà avevo creato da zero una giostra a dimensione naturale, con pezzi di recupero, c’era anche una statua di Pinocchio della mia infanzia. In un’altra stagione avevo ricreato le luci natalizie di Jesi Centro su un pannello con una foto della città. Quest’anno ad esempio i cubi di verde sono veri, fatti da me con il pungitopo di casa e altri materiali.
Questa è anche un po’ la filosofia della conduzione familiare delle piccole medie imprese italiane, fare in casa, così come cuciamo addosso ai nostri clienti le consulenze per il loro stile, ad ognuno il suo.”
Venendo alla moda, cosa è cambiato nelle abitudini di acquisto nel periodo delle feste e cosa funziona?
 “Una volta c’era la corsa all’abito di Capodanno da ” grande soirée”. Ora l’idea della festa è un po’ cambiata, si fanno cene in casa o si passa il fine anno in montagna. L’abito c’è ma si sceglie più versatile, assolutamente da indossare anche in altre occasioni, ad esempio questo abito Jucca con delle applicazioni leggere di piume..lo posso consigliare per una serata con le décolleté e allo stesso tempo so che la cliente può riportarlo con un biker e delle sneakers. In generale devo essere sempre molto attenta a bilanciare gli ordini, ad estrapolare dallo “show” a cui assisto, fra proposte di sfilate e degli show-room, quel tanto di poesia, di novità, di originalità, coniugato al quotidiano.
Non potrei fare a meno della componente di ricerca nella mia professione o sarebbe una noia per me e per le mie clienti. La soddisfazione più grande è trovare il più possibile capi che trovino il riscontro delle tante amiche e clienti che si servono da noi, scelte pensate e in alcuni casi azzardate, un anno prima delle vendite al dettaglio.”
 Quali sono i marchi che contraddistinguono St Michel e cosa c’è di nuovo?
 “Di certo alcune scelte fatte da mio padre Bruno negli anni’80 si sono rivelate ancora oggi di successo, come la nostra collaborazione con il marchio Stone Island.
Fra i marchi di cui attualmente sono più soddisfatta e convinta ci sono Woolrich che è migliorato nelle Collezioni sia da un punto di vista stilistico che tecnico, arricchendosi di capi più lussuosi con inserti in pelliccia, Golden Goose di cui siamo una boutique di riferimento per il vasto assortimento proposto, marchio che si vende sempre molto bene   con capofila il modello must ” Superstar” e ancora Herno, Save the Duck, i capi ecologici stanno avendo più attenzione e prendendo più quote di mercato, Jucca e Orciani,
che ha creato un modello iconico ” Sveva”, una borsa proposta in pelle in vari colori, da ricordare interamente made in Marche.
E fra i marchi più nuovi, Gum: sono partita potendo ordinare da una Collezione molto piccola, oggi si è arricchita di tanti modelli sfiziosi e colorati. È un’idea regalo facile, con prezzi che partono da 29 euro fino a 159 euro, è un marchio che interpreta bene l’idea del “fast fashion”, di potersi cambiare spesso, ma con il plus di dare ad un prezzo accessibile un vero prodotto di design.
E con le nostre proposte riusciamo ad abbracciare una clientela che va dai 13 anni per le occasioni della Cresima, agli 80 anni.”
 Rispetto al mondo della vendita on line, cosa ne pensi?
 “Credo che la vendita on line rispecchi moltissimo le nuove generazioni, che si muovono e acquistano negli e-commerce con grande disinvoltura e regolarità, ma vediamo molti giovani che si educano alla percezione del prodotto venendo a comprare in boutique, credo si fidelizzi  molto di più il cliente con il rapporto umano.
Ma l’on line è di certo un canale di vendita parallelo, ulteriore, per questo da alcune stagioni abbiamo scelto di collaborare con delle piattaforme specializzate che operano su un mercato worldwide.”
Spesso siete paragonati alle boutique multibrands di grandi città, parlando di Milano, qual’è la tua boutique del cuore, quella che più ti rispecchia?
Ne ho alcune che mi piacciono e che stimo per il lavoro e la crescita fatta nel tempo, come Brian e Barry o Antonia, ma quella che identifica di più il mio stile e quello della mia attività è la boutique Biffi, un mix di lusso e di quotidiano casual fra classico contemporaneo e ricerca.”
Alessandra, qual’è stato il tuo percorso?
“Ho fatto studi grafici presso lo IED di Milano, un riferimento come istituto nel settore di design e moda. Ero affascinata dell’architettura e in qualche modo il mio estro e la mia creatività le ho investite nel lavoro, con la cura degli allestimenti che faccio artigianalmente, con i disegni di alcune strutture interne ai negozi e con la continua sfida della moda che stagione dopo stagione ci chiede di  “reinventare” e reinterpretare. Oggi sono buyer e direttrice di St Michel, con grande soddisfazione ma anche con sacrificio per i ritmi incalzanti che le aziende della moda dettano.”
E qual’è il tuo guardaroba?
“Da addetta ai lavori, che sta sempre in mezzo ai ” panni”, il mio guardaroba è molto sobrio in prevalenza nero, niente di appariscente a parte qualche dettaglio che mi illumina o mi diverte, che spesso poi sono gli accessori.”
Un’ultima cosa…Qual’è la tua idea di lusso?
“Eh…beh riguardo alla moda direi…una sciarpa o un maglione in cachemire …quello che definisco un capo “coccola” e senza tempo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*