Astralmusic

Laboratorio Sinistra si presenta alla città

Astralmusic
Da sn: Cardinali, Luchetti. Pacenti, Fioretti e Samuele Animali

JESI – Presentazione ufficiale stamattina per Laboratorio Sinistra davanti il monumento a Pergolesi. La lista appoggia Samuele Animali come candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative. “Gente giovane, motivata e competente per Laboratorio Sinistra che (secondo punto di forza per animali che conta anche su Jesi in Comune, ndr) ringrazio per la fiducia – ha detto Samuele Animali – La mia rispetto alle altre corazzate è una partenza da outsider ma non ci poniamo nessun limite. Bacci è stato fortunato in questi anni a non aver avuto un’opposizione puntuale come molti di noi auspicavano, questa campagna elettorale sarà l’occasione giusta per vedere qualcosa di diverso”. In lista per laboratorio sinistra Nicoletta Cardinali: “Volutamente ci siamo presentati sotto la statua di Pergolesi, oggetto di dibattito in questi giorni. Beni comuni, riqualificazione dei luoghi, diritto alla cultura, al lavoro e penso anche ai lavoratori con partite Iva, di cui faccio parte, il diritto all’aborto sono i nostri punti cardine. Siamo composti dalla sinistra storica, dalle associazioni e dalle persone che hanno deciso di mettersi in gioco per il futuro della città. Partiamo da una certezza: la manifestazione “Non una di meno” che tra le altre cose chiede l’applicazione della legge 194″. Atri nomi in lista: Simone Luchetti, jesino classe 1977, dipendente di Banca Marche.  “Vanno accantonate le logiche di partito e data voce alla comunità – ha detto Luchetti – Quanto accaduto con Banca Marche è l’emblema del fallimento della politica locale che si è dimostrata assolutamente incapace di difendere il valore di un’azienda che oggettivamente dava lavoro a oltre tremila famiglie della Regione. Una politica che ha sempre e solo guardato ai danni del passato senza avere il coraggio di affrontare il futuro. Mi sono avvicinato alla politica alcuni anni fa a seguito di una semplice riflessione: arrabbiarsi per le cose che non vanno è sacrosanto ma non basta, volevo provare a incidere sulle scelte che venivano prese nelle realtà sociali di cui facevo parte”. Con Progetto Sinistra anche Stefania Fioretti, operaia di 48 anni “candidata perché i problemi della città sono molti e vanno affrontati, penso al mondo del lavoro e alle categorie più bistrattate” e Federica Pacenti, 25 anni, studentessa lavoratrice. “La precarietà nel mondo del lavoro è ormai consolidata – ha detto la giovane candidata – io stessa ho dovuto cercare un lavoro (è consulente previdenziale alle Generali, ndr) perché non riuscivo a pagarmi gli studi e non ci sto ad essere chiamata bambocciona per problemi economici e mancanza di prospettive. Faccio volontariato in Croce Verde e, anche per motivi familiari, conosco la realtà ospedaliera, le difficoltà del pronto soccorso nonostante l’impegno di medici e infermieri. Una struttura pubblica insufficiente rispetto alle esigenze minime dei cittadini“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*