Laboratorio Sinistra: "Non ci si salva da soli" | | Password Magazine
Lulù  

Laboratorio Sinistra: “Non ci si salva da soli”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nicoletta Cardinali per LaboratorioSinistra

“Il dovere del cittadino non dovrebbe durare il tempo della crocetta sulla scheda elettorale, ma il suo deve essere l’occhio vigile dell’operato delle amministrazioni locali – ha dichiarato Massimo Rossi, ex sindaco di Grottammare (AP) – La politica di oggi, locale e nazionale, è incompatibile con la democrazia diretta: clientelismo e false promesse elettorali hanno minato e reso soporifero il sentimento partecipativo del singolo cittadino”. L’occasione per ascoltare la sua preziosa testimonianza è stato l’incontro di ieri a Palazzo dei Convegni, organizzato delle liste civiche Laboratorio Sinistra e Jesi in Comune candidate alle prossime amministrative di Jesi. L’incontro ha avuto per oggetto la pratica della Democrazia Partecipativa nell’amministrazione del comune di Grottammare. Accanto a Rossi anche Angelo Santicchia, ex sindaco di Santa Maria Nuova, sperimentatore anche lui di esperienze di Democrazia partecipativa. Tutti siamo bravi a lamentarci quando le cose non vanno bene, ma quanti sono disposti a partecipare, a contribuire con le proprie idee. “Quella di Grottammare è stata una delle prime esperienze di bilancio partecipativo – ha sottolineato Rossi – il Comune ha prodotto un modello di sviluppo alternativo riportando le politiche al benessere della popolazione e nella direzione di sviluppi sostenibili e di una progettazione condivisa, proprio attraverso le ASSEMBLEE CITTADINE. Quando vengo chiamato a spiegare questa pratica mi sembra di parlare di cose scontante: i cittadini sono una risorsa, hanno idee e molto spesso soluzioni, che nonostante il punto di vista spesso diverso, alla fine sono in grado di trovare una soluzione nell’interesse di tutti, della comunità. E’ proprio il momento dell’assemblea a evidenziare la risorsa che è ciascuno di noi per la collettività”.
“Guai cadere nel tecnicismo – ha insistito Rossi – Il momento del bilancio condiviso con i cittadini ci ha obbligato a semplificare quei passaggi burocratici, che spesso allontanano la cittadinanza delle scelte politiche”.
La città può appropriarsi del proprio futuro, senza entrare nell’ingranaggio delle logiche del profitto speculativo e della finanza. “Anche noi con il gruppo di opposizione “Officina della sperimentazione” cerchiamo di fare politica nel sociale e nella cultura attraverso la partecipazione dei cittadini” – è intervenuto Santicchia in merito alla realtà di Santa Maria Nuova – “È pur vero che la comunità va ri-abituata a riscoprire il valore della cosa pubblica”. La società di oggi ci ha condotti verso la pratica opposta: considerare l’altro come una minaccia per la nostra sopravvivenza.
“Ci sono certe questioni che vanno riannodate alla realtà – è intervenuto il candidato sindaco Samuele Animali – Angelo e Massimo sono l’esempio reale di qualcosa che si può concretizzare. Libertà e’ sentirsi parte di qualcosa. Non c’è libertà se non si può incidere in qualcosa e scegliere. La democrazia e la libertà si scoprono, quando le persone si riconoscono capaci di realizzare e di prendere parte a qualcosa.
“Il progetto politico di Laboratorio Sinistra pone al centro la PERSONA, creando costantemente occasioni per la sua PARTECIPAZIONE alle scelte della collettività: tutelando il bene comune. Ecco perché abbiamo organizzato questo incontro, per dimostrare che la partecipazione e’ possibile ed è crescita per tutti. L’attuale amministrazione della nostra città sembra guidata dalle regole dell’economia globalizzata, che insegue il profitto a tutti i costi – l’intervento di Nicoletta Cardinali per Laboratorio Sinistra – Noi vogliamo invertire questa rotta, proprio partendo dal coinvolgimento dei cittadini, da coloro che vivono la città”.

Laboratorio Sinistra – JESI

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.