#LaboratorioSinistra proposte per il Centro Storico | | Password Magazine

#LaboratorioSinistra proposte per il Centro Storico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Con la crisi iniziata nel 2012 il centro storico di Jesi ha visto la “migrazione” di moltissimi abitanti, lavoratori e liberi professionisti verso la periferia con la conseguente chiusura di botteghe, negozi ed esercizi commerciali. Quella che si percepisce è la sensazione di abbandono e di degrado soprattutto in certe zone centralissime. Negli ultimi tempi  si è assistito anche ad un eccessivo ripopolamento di attività serali che, poiché non bene regolamentate, hanno portato ad un aggravamento della situazione con nuovi problemi di ordine pubblico e disturbo della quiete nelle ore notturne”. Questa la situazione denunciata da Laboratorio Sinistra che propone una riqualificazione profonda e concreta del centro storico. Per il movimento che, insieme a Jesi in Comune,  sostiene il candidato sindaco Samuele Animali, occorrerebbe “incentivare gli investimenti di ristrutturazioni di abitazioni private ed anche di locali adibiti ad attività commerciali con un’ attenzione particolare al recupero degli edifici sulla base di una ristrutturazione eco-sostenibile ed con interventi antisismici; valorizzare e ristrutturare ciò che di storico e culturale già la nostra città possiede: monumenti, chiese, teatri, edifici storici, pinacoteca. Alcuni di questi, ad oggi, non sono neppure visitabili; creare vaste aree pedonali, ben arredate e curate, fruibili ai cittadini alle famiglie e ai turisti, con un occhio particolare alla individuazione di parcheggi e aree sosta che ne agevolino l’accesso; valorizzare con iniziative, visite guidate, mostre, feste e attività culturali le bellezze del nostro territorio ed i nostri prodotti eno-gastronomici; agevolare la nascita di strutture ricettive tradizionali e non limitando i vincoli e divieti; consolidare e sviluppare maggiormente il tradizionale mercato svolto in centro; rinvestire maggiormente nel recupero e sviluppo del vecchio mercato delle erbe, storico mercato di prodotti tipici del territorio, cercare di eliminare gli eccessi di vincoli e di burocrazia che spesso impediscono la riqualificazione del centro”.

“Ostinati perché amiamo il nostro centro storico, solidali perché il nostro centro storico deve essere per tutti, alternativi alla grande distribuzione”.

Comunicato da: Laboratorio Sinistra

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.