L’Acqua cheta, l’operetta incanta al Pergolesi

JESI – Immaginate una famiglia tutta pepe. La mamma, scaltra e un po’ ciarliera. Il papà – anzi il babbo, visto che siamo a Firenze! – disincantato e ironico. Poi le due figliole, impulsiva e diretta l’una, merletti e pizzi l’altra, la classica “Acqua cheta”. Che poi è anche il titolo dell’operetta in tre atti di Augusto Novelli e Giuseppe Pietri, andata in scena al teatro Pergolesi, per la regia di Franco Bury, domenica 19, per il tramite della “Compagnia Gabrielli Campagnoli 1930” di Cingoli, a cento anni esatti dalla prima rappresentazione. Gli applausi di un pubblico numeroso hanno accompagnato l’ingresso del maestro Carlo Morganti, che ha diretto l’Orchestra Time Machine Ensemble. Ammirato lo stupore allo schiudersi del sipario, innanzi alle più che convincenti scenografie, firmate da Carlo Accrescimbeni e Alessandro Petrini, capaci di gettare l’osservatore dentro il cortile di casa del sor Ulisse, con spettacolare affaccio su Firenze. E via con la storia, quella per l’appunto delle due sorelle e dei loro pretendenti, il falegname Cecco, interpretato da Gabriele Bernardini, innamorato della civettuola Anita (Micaela Chiariotti) e il dozzinante Alfredo, alias Maurizio Borri, invaghito dell’acqua cheta Ida, niente meno che la nostra Lucia Chiatti, amministratore delegato della Fondazione Pergolesi Spontini. Se il teatro è il regno della finzione, i nostri amanti ne sono i regnicoli: il lavorante, ingenuo socialista, cui la signora Rosa-Lilly Mugianesi ed il sor Ulisse-Diego Santamarianova si rifiutano di dare in moglie Anita, si rivelerà il salvatore dell’onore della famiglia. Infatti, manderà per aria il piano di fuga dei due insospettabili colleghi in affari del cuore: il vezzeggiato pseudo reporter Alfredo e l’acqua cheta Ida. Una sapiente coreografia, firmata Elisabetta Corinaldi e Beatrice Strappa, ha accompagnato briosamente la narrazione, ulteriormente alleggerita dalle battute dello stalliere di casa, il beone Stinchi alias Giovanni Sbergamo. Buona anche la prova del Coro Vox Nova di Fabriano, diretto dal maestro Alberto Signori e del corpo di ballo, che hanno amplificato e impreziosito le vicende di una minuta quanto bizzarra compagine familiare. Lieto, manco a dirlo, il finale, per una performance godibile e adatta a tutti.

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.