Ladri di cantiere intercettati, Carabinieri recuperano 40 mila euro di refurtiva

JESI – Sgominata dal Nucleo Operativo della Stazione dei Carabinieri di Jesi una rete di 11 soggetti, di origine moldava, specializzata in furti in ditte e cantieri, operanti in diversi territori delle Marche. Negli ultimi mesi, avevano messo a segno una ventina di colpi in Vallesina, un centinaio se si considerano anche le zone di Senigallia e del pesarese. Non avevano un vero e proprio modus operandi se non quello di infiltrarsi nelle proprietà durante la notte, rubare tutto ciò che poteva aver valore e rivenderlo in Moldavia.

Ieri mattina, il Nucleo Operativo Radiomobile (NOR) della compagnia dei Carabinieri di Jesi ha eseguito diverse ordinanze di misure cautelari e contestuali e perquisizioni delegate dall’autorità giudiziaria nei confronti degli 11 soggetti individuati, tutti uomini d’età compresa tra i 25 e i 40 anni, due di loro domiciliati a Jesi.

L’ultimo tassello questo di una più lunga e complessa indagine avviata a seguito delle numerose denunce di furto ricevute da proprietari e gestori di varie ditte di autotrasporti, cantieri edili, stazioni di servizio carburanti e autolavaggi.

Dopo un incessante e laboriosa attività tecnica durata svariati mesi e condotta dal personale del NOR, diretto dal Ten. Maurizio Dino-Guida, si è riusciti ad individuare il sodalizio criminoso, finalizzato ad appropriarsi di materiali e attrezzatura da carpenteria edile di ogni tipo: dalle impastatrici per cemento alle semplici punte per trapano, ma anche motori marini, tagliaerba e scatole del caffè. Furti anche ai danni di esercizi commerciali e di società di trasporto, dove facevano scorta di notevoli quantità di gasolio. Il tutto veniva nascosto in un capannone abbandonato sito nel fanese, in attesa di trasportarlo e venderlo in Moldavia.

Una volta emesse le ordinanze di misure cautelari nei confronti dei soggetti indagati da parte dell’autorità giudiziaria, i militari hanno localizzato il capannone e, dopo un lungo lavoro di osservazione, hanno deciso di agire dando il via alle operazioni di perquisizione che hanno portato al sequestro di materiali oggetto di furto per circa 40.000 euro di valore. A questo, si aggiunge il ritrovamento delle due impastatrici, da almeno 30 mila euro l’una.

Di tutta la merce, parte della quale è nota la provenienza, si stanno cercando i relativi proprietari. Si passano al setaccio anche i possibili canali attraverso cui la refurtiva raggiungeva la Moldavia, ancora un punto di interrogativo nell’indagine.

“Un grandissimo risultato, ottenuto dopo mesi di intenso lavoro e sacrificio – ha detto il Comandante dei Carabinieri di Jesi Magg. Benedetto Iurlaro – Ci stiamo impegnando al massimo per porre un freno all’onda di furti che ha investito la Vallesina e rispondere così alle aspettative della gente. Di contro, auspichiamo nella collaborazione di tutti i cittadini che, con le loro segnalazioni, spesso sono di grande aiuto alle indagini”.
A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.