Ladri di carburante, sequestrati 300 quintali di gasolio

JESI – Questa mattina i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Jesi, guidati dal Maresciallo Capo Roberto Scarpone, hanno arrestato due italiani per furto aggravato in concorso. I due uomini, entrambi incensurati e residenti in Vallesina, di anni 56 e  38, sono stati colti, intorno alle ore 05:30, in via Carotti di Jesi, mentre da un camion cisterna contenente carburante, asportavano mediante una manichetta, diverse decine di litri di benzina. I due uomini hanno cercato inizialmente di dividersi per sottrarsi ai controlli. Uno dei due uomini, il 38enne, risultava essere il conducente del camion cisterna, ma successivi accertamenti permettevano di appurare che i due stavano sottraendo illecitamente la benzina alla ditta di autotrasporti, il cui proprietario questa mattina formalizzava una denuncia di furto nei confronti dei due arrestati.

Veniva inoltre accertato che il camion cisterna era dotato di un sistema di allarme che permette alla ditta di verificare dove il carburante viene scaricato. Tale dispositivo è risultato manomesso e reso non funzionante, proprio per permettere il trasbordo di carburante in un luogo diverso dai distributori  che invece attendevano per questa mattina il carburante. Un fusto con 200 quintali di carburante tipo benzina è stato recuperato sul mezzo di proprietà di uno degli arrestati, parcheggiato accanto al camion cisterna. La benzina è risultata essere stata asportata illegittimamente poco prima dal camion, ed è stata restituita al titolare della ditta di trasporti.

La successiva perquisizione domiciliare eseguita nelle abitazioni degli arrestati permetteva di rinvenire ulteriori 300 quintali di gasolio, che venivano sequestrati e restituiti al proprietario della ditta per cui lavorava il 38enne autotrasportatore.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ancona i due arrestati venivano rimessi in libertà in attesa della convalida, non ravvisando il Pubblico Ministero al momento nessuna necessità di  provvedimenti restrittivi nei loro confronti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*