Ladri di miele, è allarme tra i produttori. Il Consorzio: «Ci stiamo attrezzando» | | Password Magazine

Ladri di miele, è allarme tra i produttori. Il Consorzio: «Ci stiamo attrezzando»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – Marche sotto attacco dai ladri di miele. In piena estate, ora che è tempo di raccolta, è allarme tra i produttori anche dell’anconetano, con episodi registrati nel senigalliese e anche in Vallesina. Risale a qualche settimana fa infatti il furto di 270 telai pieni di miele dalle arnie in un’azienda agricola di Camerata Picena. Recente anche un caso registrato nelle campagne di Ostra e segnalazioni arrivano anche dal pesarese.

Preoccupati gli apicoltori, in cerca di qualche soluzione per difendersi dall’azione di criminali interessati all’oro dolce liquido.  «È difficile potersi proteggere da questi assalti, spesso gli alveari si trovano in campi accessibili o in casolari isolati, ma ci stiamo attrezzando – fa sapere Sergio Cocciarini, presidente del Consorzio apistico provinciale obbligatorio di Ancona (in foto)– Il modus operandi di questa banda di criminali è sempre lo stesso, con i ladri che prendono solo i favi lasciando il melario: l’ipotesi è che ad agire non siano apicoltori veri e propri quanto piuttosto persone interessate esclusivamente al prodotto finale, ovvero al miele».

Per Cocciarini, la scelta di non prendere il melario potrebbe derivare da mancanza di attrezzature specifiche che invece un professionista dovrebbe avere: «Forse non hanno sufficiente spazio per csricare i melari nei loro furgoni e questo li costringe solo a prendere i favi, che possono gettare in semplici sacchi di nylon. Una volta preso il miele, il loro obiettivo sarà quello di rivenderlo». Ci vogliono infatti 11 mesi di lavoro per una raccolta che dura circa 15 giorni: e con le temperature avverse della scorsa primavera, la produzione è anche più scarsa. Iproduttori professionisti del consorzio provinciale si contano su una mano, meno di una decina svolgono l’apicoltura come seconda attività, il resto sono piccoli produttori amatoriali: «Il nostro lavoro è sempre più importante per preservare la biodiversità – conclude Cocciarini- e questo ha più valore del miele stesso».

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.