Ladri di provviste, derubati due anziani vicini di casa | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Ladri di provviste, derubati due anziani vicini di casa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FALCONARA MARITTIMA – È accaduto martedì scorso (18 gennaio), quando al mattino, un pensionato 84enne residente in un condominio di Falconara Alta, è sceso nella sua cantina a piano terra constatando che ignoti, nella notte, avevano completamente razziato le sue provviste alimentari: 40 bottiglie di vino bianco e rosso, 20 bottiglie di olio, formaggi stagionati e persino una decine di buste di carciofini congelati conservati all’interno di un piccolo frigorifero a pozzetto. Così è partito subito l’allarme ed in pochi minuti i Carabinieri della Tenenza hanno raggiunto il condominio constatando che l’anziano non era stato l’unico a ricevere quell’insolita “visita”. Infatti anche un’altra cantina dello stesso condominio era finita nel mirino dei “ladri di provviste”, ovvero quella di un altro pensionato, di anni 71, che ancora non si era accorto di nulla. Ed anche lì era andato in scena il medesimo copione: lucchetto forzato e razzia di diverse decine di bottiglie tra prosecco, vino bianco, vino rosso, vino di visciole, un trancio di grana da 4 chili, un prosciutto intero ed una tanica di olio extravergine d’oliva da ben 15 litri.

È stato così effettuato un accurato sopralluogo, nel corso del quale i militari sono riusciti a risalire ad una terza cantina ubicata nello stesso condominio, apparentemente estranea a questa vicenda ma al cui interno è stato possibile accertare, attraverso una presa d’aria collocata sulla sommità della porta, la presenza di diverse decine di bottiglie di alcolici buttate lì alla rinfusa, tra le quali si intravedevano le stesse etichette che erano già state segnalate dai poveri derubati. È stato così appurato che quella cantina era in uso ad una coppia: 42 anni lui e 47 lei, già noti alle forze dell’ordine per una sfilza di reati, anche contro il patrimonio e persino – la donna – destinataria di un provvedimento di D.A.C.U.R. (divieto di accesso alle aree urbane) della durata di un anno, per tutti gli esercizi pubblici della provincia di Ancona dove si somministrano bevande alcoliche.

Così i Carabinieri si sono subito presentati alla loro porta per un controllo. Dopo qualche minuto di attesa sul pianerottolo, compreso che i due non avevano nessuna intenzione di aprire, i militari hanno fatto irruzione nell’appartamento arrampicandosi su un balcone al primo piano, sorprendendo la coppia in camera da letto che immediatamente si giustificava con “Stavamo dormendo, non abbiamo sentito suonare”. Eppure erano entrambi vestiti di tutto punto…

È quindi scattata un’approfondita perquisizione personale e domiciliare, al termine della quale è stata recuperata gran parte della refurtiva alimentare sottratta, di cui una parte rinvenuta nella cantina e l’altra già ordinatamente riposta nella dispensa dei due malfattori.
A nulla sono valse le loro inutili giustificazioni. Impossibile spiegare per quale assurdo motivo nella loro cantina ci fossero gli stessi vini che erano stati rubati nella notte, per non parlare poi di tutti quegli alimenti rinvenuti fuori dal frigo, ammassati all’interno di una busta ed in fase di avviato scongelamento.
Dovranno ora rispondere di gravissime accuse, considerato che la loro condotta integra il reato di furto in abitazione aggravato dalla violenza sulle cose (per aver divelto lucchetti e catenacci), fattispecie punita duramente dal codice penale, con la reclusione da cinque fino a dieci anni. Gli alimenti sono stati tutti restituiti ai legittimi proprietari, sebbene non sia stato possibile recuperare i generi alimentari decongelati e qualche trancio di formaggio che era già stato porzionato.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.