Ladri scatenati, due case depredate: bottini da oltre 20 mila euro | | Password Magazine
Banner4Baffi

Ladri scatenati, due case depredate: bottini da oltre 20 mila euro

JESI – Ladri in azione nel week end. Due i colpi registrati sul territorio con ingenti i bottini. Ad agire una banda specializzata in furti in appartamento, affamata di oro e denaro. I malviventi hanno studiato probabilmente gli spostamenti delle vittime per giorni in attesa del momento giusto per agire. Il primo colpo è stato messo a segno nella notte tra venerdì e sabato in via Brunori, zona Colle Paradiso. I criminali hanno aspettato che i proprietari fossero fuori casa prima di introdursi all’interno dell’appartamento e fare razzìa di oggetti di valore. Hanno scavalcato la recinzione esterna, forzato gli infissi e sono andati alla ricerca di oro e denaro. Sono riusciti a scassinare la cassaforte e a trafugarne il contenuto, per un bottino complessivo di 25 mila euro. La notte seguente i criminali si sono spostati a Chiaravalle. Dopo essersi accertati che i proprietari fossero assenti, i ladri si sono introdotti all’interno di un’abitazione di via Marconi: hanno messo a soqquadro le stanze, in particolare le camere da letto, trafugando oro e denaro. Ingente il bottino, quasi 30 mila euro di valore.
Entrambi i furti sono stati denunciati ai carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire ai responsabili. Importanti anche le segnalazioni dei cittadini alle forze dell’ordine, utili alla ricerche e a prevenire furti. Venerdì pomeriggio, il titolare di una tabaccheria di Jesi ha segnalato al 112 il passaggio in negozio di due giovani sospetti, dai tratti balcanici. I due, con la scusa delle sigarette, hanno scattato foto alle macchine presenti nella sala slot. Un comportamento che ha insospettito l’esercente che ha allertato i carabinieri. Ma se siano loro gli stessi autori dei furti avvenuti negli ultimi giorni per ora non è che un’ipotesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.