L'amore ai tempi del Covid: l'effetto 'paradosso' degli Artisti Sconosciuti | Password Magazine
Festival Pergolesi

L’amore ai tempi del Covid: l’effetto ‘paradosso’ degli Artisti Sconosciuti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un progetto musicale, nato in pieno lockdown, da un gruppo di ragazzi della Vallesina, che si presentano come Artisti Sconosciuti.

Se ci sei tu” è il titolo della loro canzone, pubblicata nei canali social qualche giorno fa: una canzone che parla della forza dell’amore, o più generalmente, della forza dei legami che generano solidarietà e aiutano a sopravvivere anche nei periodi più bui.

Noi di Password abbiamo deciso di conoscerli meglio: il gruppo degli Artisti Sconosciuti è composto da Davide Candeloro, Giacomo Gianangeli, Sara Simari, Francesco Pirani e Joseph Konde. Hanno un’età compresa dai 21 ai 28 anni: svolgono professioni diverse e risiedono nelle zone di Falconara, Jesi e Monte San Vito.

C’è chi ha studiato in maniera professionale canto, chi viene dal mondo della beatbox, chi ha già avuto esperienze sui social. Hanno storie di vita diverse, che si sono ritrovate insieme in un momento assolutamente inaspettato, come hanno raccontato loro stessi:

 Ragazzi, partiamo dalle origini. Voi non vi conoscevate e in un momento di distanziamento sociale e di isolamento siete riusciti a mettere in piedi il progetto di una canzone: da chi è nata l’idea?

«L’idea è partita da Davide Candeloro – spiega Giacomo Gianangeli– che inizialmente mi ha proposto di scrivere un testo sul Coronavirus. Io, avendo già da diversi anni un Canale Youtube in cui presento canzoni con testi scritti da me (@Jack Gianangeli) ho ben accolto la sfida.

Con gli altri, ci conoscevamo di vista, e Sara Simari è arrivata a noi tramite un amico in comune, gestore di un locale in cui si svolgevano serate karaoke a Falconara.

Abbiamo così iniziato a conoscerci attraverso delle videochiamate su Instagram, che era tra tutti il social che ci accomunava: proprio come si diceva in tempi di quarantena, eravamo distanti ma uniti da questo obiettivo di creare qualcosa di bello, in un periodo così brutto e difficile.

Man mano che lavoravamo al testo, ci siamo resi conto che descrivere il Coronavirus era alquanto difficile, perciò abbiamo virato su una tematica a noi più vicina, ovvero l’amore a distanza».

 

«Questo è un po’ l’effetto paradosso – interviene Sara Simari- in quanto noi siamo tutti ragazzi single, ma ci siamo ispirati ai nostri amici e conoscenti, che soffrivano la distanza dai propri partner. Abbiamo fatto insomma un lavoro di immedesimazione, e ci siamo sentiti ispirati».

Il testo recita “canto isolato per via di questa quarantena”, ma ora potrebbe essere un monito per tante persone, che la canteranno insieme a voi. Vi sareste mai aspettati un risultato del genere?

«In realtà no: inizialmente, dalle nostre case, abbiamo sognato e immaginato in grande, ma questo ci è servito anche per portare avanti questo progetto musicale, che senza un po’ di ambizione sarebbe magari svanito» risponde Davide Candeloro.

Il titolo della canzone è “Se ci sei tu”, a chi si rivolge nello specifico?

«Ecco principalmente abbiamo immaginato un partner amoroso come interlocutore, ma quel “tu” può essere anche un partner sognato.

Il testo della canzone si può interpretare sia in campo amoroso che relazionale: può essere un padre che si rivolge ad un figlio, o un amico- racconta Francesco Pirani– ognuno di noi mentre cantava aveva in mente qualcuno di specifico probabilmente, appartenente al mondo dei cosiddetti affetti stabili».

 Nel testo utilizzate un paragone per parlare del Coronavirus: parlate di “nemico invisibile”. In che maniera avete vissuto voi il periodo di quarantena? Ci sono stati momenti in cui avete pensato di sospendere il progetto?

«In tutta onestà, i primi momenti di prove in videochiamata, ci sono stati dei disguidi- racconta Sara Simari- in quanto magari non tutti da subito abbiamo dedicato lo stesso impegno, forse ancora non ci credevamo abbastanza. Poi però, con un po’ di comprensione delle esigenze individuali, abbiamo trovato un punto d’incontro e iniziato il nostro lavoro.

Nella difficoltà del contesto siamo riusciti a registrare la nostra canzone in 3 mesi– dice Joseph Konde– cioè un periodo veloce, considerando che le prime prove sono avvenute da remoto tramite videochiamate, e solo appena abbiamo potuto incontrarci dal vivo abbiamo proseguito con le prove dal vivo. Sempre distanziati, abbiamo provato all’aperto al Parco Primo Maggio di Chiaravalle, sfruttando la sua acustica, per poi passare ad un vero e proprio studio di registrazione.

Abbiamo cercato di prendere il buono di ogni situazione, fase per fase, nel rispetto delle norme di distanziamento previste».

Ci sono già stati interessamenti in merito alla circolazione della vostra canzone, quali sono le previsioni future?

«Per ora stiamo utilizzando i social come “termometro”: tramite passaparole, sponsorizzate sui social. La canzone è ovviamente su Youtube, stiamo vedendo il numero di condivisione per valutare il bacino di interesse del pubblico».

Cosa bolle in pentola? Gli Artisti Sconosciuti torneranno con una nuova canzone?

«Ora che il gruppo è ben rodato, abbiamo altro in serbo, ma non sveliamo niente per ora».

“Se ci sei tu” si può ascoltare e condividere dal Canale Youtube: qui il link per accedere, condividere ed iscriversi al canale, e supportare così questi giovani artisti.

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.